MonteMarioToday

Rogo di Primavalle: sì al murale per i fratelli Mattei

Votato dal Consiglio regionale un atto che impegna Presidente e Giunta ad avviare le procedure per realizzare l'opera di commemorazione per Stefano e Virgilio, morti bruciati vivi nella loro casa nel pieno degli anni di piombo

Sì al murale in ricordo di Stefano e Virgilio Mattei, i fratelli morti nel rogo di Primavalle nel lontano 1973. Vittime innocenti di un attacco incendiario nel pieno degli anni di piombo compiuto da alcuni aderenti al movimento extraparlamentare di estrema sinistra Potere Operaio: nel mirino la casa di Mario Mattei, allora segretario locale del Movimento Sociale Italiano.

Rogo di Primavalle: sì al murale per i fratelli Mattei

Nel rogo che coinvolse l'intera famiglia Mattei, Stefano e Virgilio, allora di 10 e 22 anni, non riuscirono a gettarsi dalla finestra per scampare alle fiamme. Morirono bruciati vivi. Dopo la targa affissa nel dicembre di due anni fa sulla palazzina di via Bernardo da Bibbiena, a Primavalle arriverà anche un murale. L’Aula del Consiglio regionale del Lazio ha approvato un ordine del giorno a firma del consigliere della Lega Daniele Giannini, che impegna il presidente della Giunta Nicola Zingaretti ad attivare le procedure per la realizzazione dell'opera. 

Un murale commemorativo che nascerà davanti alla finestra in cui persero la vita i due ragazzi. "Nel corso degli anni - ha commentato l'esponente leghista - la Regione Lazio ha partecipato in via ufficiale, con il proprio cerimoniale, a più ricorrenze di quel tragico evento datato 16 aprile 1973 nel quale furono barbaramente uccisi i fratelli Mattei e che a tutt'oggi ha lasciato la famiglia senza giustizia. La mia proposta accolta dall'Aula - conclude - prende spunto da un avviso pubblico denominato 'Lazio Street Art' che consente la riqualificazione di alcune strutture con progetti degli enti locali e delle associazioni".

"È un traguardo importante e come Fratelli D’Italia siamo orgogliosi di aver proposto questa iniziativa in Regione Lazio e ringrazio Chiara Colosimo  di aver sottoscritto l’atto e Antonella Mattei per la sua tenacia. Sono passati 47 anni e ricordare è un dovere” - il commento del consigliere di FdI in Municipio XIV, Stefano Oddo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Roma in settimana? Cosa dicono le previsioni meteo

  • Zona arancione, cosa si può fare e cosa no a Roma e nel Lazio dal 17 gennaio

  • Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

  • Chi è Manolo Gambini il detenuto evaso da Rebibbia dopo aver scavalcato la recinzione

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Sabato zona gialla a Roma e nel Lazio: il 16 gennaio giornata limbo prima della stretta

Torna su
RomaToday è in caricamento