MonteMario Torrevecchia / Via Mattia Battistini, 464

Parcheggi rosa per donne in gravidanza, M5S: “Istituirli vicino a consultori o uffici pubblici”

Nel Municipio XIV l'idea dei Cinque Stelle: "Aree sosta pure per i papà"

La proposta dei parcheggi rosa avanza nel Municipio XIV (foto di archivio)

Il primo passo è sempre importante. È di questo avviso il M5S del Municipio XIV, che ha intenzione di rendere viva una proposta a vantaggio, in primis, delle donne in gravidanza. Ossia predisporre nel territorio i parcheggi rosa, aree di sosta dedicate a donne in stato interessante o anche alle mamme con bambini fino a un anno di età. L’idea, per adesso, è stata trattata nelle commissioni Pari opportunità e Lavori pubblici.

Cosa è un parcheggio rosa

Ma cosa è un parcheggio rosa? Sostanzialmente è un punto di cortesia, solitamente vicino a luoghi in cui si trovano, per esempio, banche o uffici postali. Qui la futura mamma (o la neomamma) può parcheggiare e accedere ai servizi in tranquillità. Va ricordato, a onor del vero, che sono posteggi non regolamentati dal codice della strada. Quindi fanno leva sul senso civico delle persone. Cioè, si spera sempre che non ci si fiondi l’automobilista stufo di girare a vuoto alla ricerca di uno stallo.

Idea nel Municipio XIV

Nel territorio del Quattordicesimo, guidato da Alfredo Campagna, i luoghi in cui l’iniziativa potrebbe realizzarsi sono gli spazi nelle vicinanze dei consultori (tipo quello di via Pietro Gasparri, a Primavalle) o gli uffici pubblici. Non solo: la maglia potrebbe allargarsi anche alle vie del commercio, per esempio via di Torrevecchia, dove siano presenti farmacie o supermercati. 

Posteggi per i papà

C'è anche una novità, legata alla stessa cartellonistica. In pratica, il M5S vorrebbe adottare un segnale in cui la sosta - oltre che per le mamme - possa essere utilizzata dai papà che sono insieme ai piccoli: insomma, un parcheggio bipartisan. Il lavoro che sta portando avanti il Cinque Stelle, secondo quanto riferito a RomaToday, sarà oggetto di un ordine del giorno che, quanto prima, verrà presentato in Consiglio. La data potrebbe essere l’8 marzo, per la Giornata internazionale della donna. Una scelta non casuale. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parcheggi rosa per donne in gravidanza, M5S: “Istituirli vicino a consultori o uffici pubblici”

RomaToday è in caricamento