rotate-mobile
MonteMario Ottavia / Piazza di Santa Maria della Pietà, 5

Scintille in Municipio XIV, la candidata Pd su Naso: “Ha accento calabrese, non conosce territorio”

I commenti social della candidata consigliera del Pd, Ilaria Ceccarelli, scatenano la polemica. Replica il candidato presidente del centrodestra: “Vivo a Balduina dal 2002, lei sta offendendo comunità”

A poche ore dal ballottaggio si infiamma il clima in Municipio XIV. Ad accendere la miccia il commento social di una candidata consigliera del Pd sul candidato presidente di centrodestra, Domenico Naso. “Chi è sto Naso? Da quanto vive a Roma? Ha un accento calabrese così accentuato che sembra de Lamezia Terme” - scrive Ilaria Ceccarelli sul profilo di un esponente di FdI. "Un amico oltretutto di origini calabresi" - la difendono coloro che conoscono bene Ceccarelli. A chi le chiede se l’essere calabrese sia fattore discriminante replica: “No figurati. Vivere da sei mesi a Roma e candidarsi in un territorio senza conoscerlo, sì, lo è”. 

Considerazioni alle quali è seguita la replica repentina di Naso: 38 anni, imprenditore in campo sanitario. Fiere origini calabresi, residente a Balduina dal 2002. “Quando non ci sono argomentazioni ed inizia a mancare la terra sotto i piedi si perde la lucidità; io abito a Roma dal 2002, sono un imprenditore, laureato e con un master, ho sposato un’avvocatessa di Terracina, le mie figlie sono nate a Roma e conosco questo territorio meglio di lei e dei suoi amici, ma soprattutto ho più competenze di chi lavora grazie alla politica” - ha risposto Naso. “Il mio accento parla della mia storia e di quella di quasi un milione di calabresi residenti a Roma che lei oggi sta offendendo; ma non mi sorprendo, la sinistra parla di integrazione per gli extracomunitari ma offende un avversario politico di origine calabrese, mi fa sorridere”. Naso rivendica il suo impegno politico per Roma, testimoniato anche dalla candidatura in Campidoglio nel 2016 in una lista civica a sostegno di Alfio Marchini. 

E a Domenico Naso è andata la solidarietà della candidata prosindaco a Roma, Simonetta Matone“La comunità calabrese è una grande risorsa per Roma. Domenico Naso, calabrese doc candidato Presidente per la Lega al XIV Municipio sarà una guida autorevole e capace. Fare battute sulle sue origini e sul suo accento da parte di candidati del Pd, è penoso. Ma la loro totale mancanza di proposte è chiara agli oltre 190 mila abitanti del XIV Municipio, che sanno perfettamente chi votare e chi no” - ha scritto la capolista della Lega in Campidoglio. 

Vicinanza a Naso anche dal candidato sindaco Enrico Michetti:“Discriminare un competitor politico per le sue origini o per il suo accento è disdicevole e in totale contrasto con l’art. 3 della Costituzione. Mi attendo pronte scuse da parte della candidata del Pd” - ha scritto in una nota Michetti. 

Scuse che non sono però arrivate, nel centrosinistra del Municipio XIV bocche cucite. Almeno fino a dopo il ballottaggio. C'è chi parla di "macchina del fango" contro Ceccarelli, da sempre impegnata su temi quali scuola, sociale e disabilità. Qualcuno adduce come scusa della "battuta infelice". Contattata da RomaToday Ceccarelli ha cortesemente risposto alla nostra telefonata ma ha preferito non commentare.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scintille in Municipio XIV, la candidata Pd su Naso: “Ha accento calabrese, non conosce territorio”

RomaToday è in caricamento