menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Primi abusi sul Parco Lineare": la denuncia della Rete delle Associazioni XIV

Una lettera aperta indirizzata al Sindaco Marino, al Presidente del Municipio XIV Barletta e alle autorità locali competenti per fare luce sulla rimozione delle grate apposte dalla RFI. "Tutto autorizzato?"

Occhi puntati sul Parco Lineare di Monte Mario, la nuova pista ciclo-pedonale di Roma così tanto attesa e desiderata dai cittadini e finalmente da poco inaugurata. Un'opera oggettivamente all'avanguardia "che non ha nulla da invidiare alle belle e moderne piste delle grandi città europee", come racconta chi questi 5 km di area verde attrezzata li ha già provati per pedalare in bicicletta o passeggiare in relax. Anche per questo motivo, i cittadini più attenti e scrupolosi non mancano di segnalare, fin dal suo primo giorno di apertura al pubblico, tutte le criticità o i punti di miglioramento per rendere la pista ancora più bella e funzionale. Come fu per l'incidente della fontana la sera stessa dell'inaugurazione, ad esempio, o la questione delle catene già discussa in sede sia locale che comunale.

Oggi a segnalare una nuova situazione è la Rete delle Associazioni di Promozione sociale del Municipio XIV, che in una lettera aperta indirizzata al Sindaco Marino, il Presidente del Municipio XIV Valerio Barletta e gli Assessori locali competenti chiede chiarimenti in merito alla rimozione delle grate precedentemente collocate dalla Rete Ferroviaria Italiana (che ha eseguito l'opera) a tutela della pista ciclabile stessa. "Abbiamo constatato che alla fine della scorsa settimana è stata rimossa la grata a chiusura di un accesso abusivo pregresso che dava sulla pista ciclopedonale, in corrispondenza di un condominio all’altezza di Via Alfredo Fusco - scrive la Coordinatrice Giovanna D'Annibale a sua volta Presidente dell'Associazione Lucchina e Ottavia - A questo proposito si chiede se e chi ha autorizzato la riapertura dell’accesso". E inoltre, "nel caso in cui l’apertura sia stata autorizzata da RFI, con quale criterio? Infatti al momento si tratterebbe di un accesso privilegiato trattandosi su un parco pubblico che prevede la chiusura notturna; quindi nelle ore notturne il condominio si troverebbe ad essere nella condizione di utilizzatore esclusivo del tratto di pista in oggetto".

Nel momento in cui la rimozione della grata non fosse stata autorizzata, la Rete delle Associazioni vorrebbe dunque richiedere tanto a RFI quanto agli altri soggetti istituzionali coinvolti nella gestione del parco "di adottare tutti i provvedimenti del caso, tenendo conto che la rimozione della grata potrebbe configurarsi anche come danneggiamento" e che quindi "i responsabili potrebbero incorrere in una denuncia penale".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Notizie

Blocco traffico a Roma: domenica 24 gennaio niente auto nella fascia verde

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cultura

    "Ma che c'hai prescia?", cosa significa e perché si dice così

  • Sicurezza

    Come eliminare l’odore di fumo in casa

  • social

    "Fa er provola", perché si dice così?

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento