menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Battistini-Casalotti, la funivia “smontabile” non placa i malumori: “Vogliamo la metro fino al Raccordo”

La protesta a Battistini dei circoli Pd e dei comitati per la mobilità sostenibile: "Serve metropolitana per servire Casalotti"

“Si alla metro a Casalotti, no alla funivia”. E’ questo il messaggio scritto sul grande striscione che ha accompagnato la manifestazione organizzata dai circoli del Pd del II, XII, XIII, XIV e XV Municipio insieme ai comitati civici per la mobilità sostenibile per chiedere il prolungamento della Metro A fino al Grande Raccordo Anulare. 

La funivia Battistini-Casalotti

“Progettiamo il futuro in metro” - la richiesta perentoria dei manifestanti arrivati davanti a stazione Battistini. E’ proprio li che, in base al piano del Campidoglio, dovrebbe sorgere uno dei capolinea della funivia Battistini-Casalotti

Un tracciato di quasi 4 chilometri con sette stazioni previste: oltre ai capolinea cinque fermate intermedie ad Acquafredda, Montespaccato, Torrevecchia, Campus e Collina delle Muse/Gra. Tempo di percorrenza 17 minuti, “gli stessi - hanno detto dal sit-in - che in metropolitana ci si impiegano per fare 17 chilometri, da Battistini a Termini”. 

L'idea di Raggi: una funivia "smontabile"

Dopo il reperimento dei fondi, 109,5 milioni di euro messi a disposizione dal Ministero dei Trasporti, il Campidoglio ha proseguito l’iter necessario per la realizzazione dell’opera: il 10 febbraio scorso l’approvazione in Giunta del progetto di fattibilità. “È un’opera che servirà a raggiungere il capolinea della metro A di Battistini in modo facile e diretto, senza rimanere imbottigliati nel traffico. Con un sistema di trasporto moderno e leggero, già sperimentato con successo in tante altre città in tutto il mondo. Lo realizzeremo anche a Roma” - aveva ribadito nell’occasione la sindaca di Roma, Virginia Raggi. “Qualora non dovesse più servire si smonta e si può rimontare da un’altra parte” - aveva aggiunto la prima cittadina aprendo all’ipotesi di una funivia come “mezzo di transizione in attesa della futura metropolitana”. 

Battistvi-Casalotti, la funivia “smontabile” non placa i malumori

"Piuttosto che la funivia smontabile servirebbe un collegamento della metro A con il Grande Raccordo Anulare" - queste le parole dell'esponente del Partito Democratico a Roma, Olimpia Troili, a margine della manifestazione a Battistini.

"Sarebbe molto più utile e anche più realistico avere il prolungamento della metropolitana dall'attuale capolinea di Battistini fino ai quartieri limitrofi al GRA. Lo dicono i dati: la metro A può spostare un volume di persone dieci volte maggiore rispetto alla funivia. Inoltre si creerebbe un collegamento diretto tra periferia e centro senza cambio del mezzo di trasporto per i pendolari. A beneficiare del prolungamento della metro A ci sarebbe proprio Casalotti, il quartiere protagonista di progetti tanto avvenieristici quanto poco concreti. Dobbiamo dire basta agli spot elettorali. Il tempismo con il quale viene tirato nuovamente fuori dal cassetto il progetto della funivia - ha aggiunto Troili - desta più di un sospetto. Roma ha bisogno di dare risposte ai problemi della gente che abbiano un senso. Non di opere inutili che si prevedrebbe all'occasione di smontare come dei Lego".

Al fianco dei cittadini e dei comitati per il prolungamento della metro A oltre il capolinea di Battistini anche Claudia Daconto, della segreteria del Pd: “Un diritto alla mobilità sostenibile che significa meno traffico, meno inquinamento, meno tempo perso e anche meno progetti di distrazione di massa come quello della funivia della Raggi”. 

“Il quadrante Nord Ovest di Roma, tra i 4 punti cardinali rappresentati dalle direttrici della metro A e B, è quello meno coperto da mobilità sostenibile su ferro e senza alcun nodo di scambio di mobilità intermodale, con una fermata metro e un grande parcheggio in prossimità del Grande Raccordo Anulare. È un grande limite e una mancata opportunità per persone e attività economiche. Ora è il tempo delle grandi opere. Ora è il momento di chiedere, al posto di una funivia che non si farà mai, un vero mezzo di trasporto di massa: vogliamo il prolungamento della metro a fino al GRA” - il commento di Simone Cascino Milani del Pd Lazio. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Daniele De Rossi ricoverato allo Spallanzani

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • De Magna e beve

    La vera storia della carbonara: origini e curiosità

  • De Magna e beve

    Carbonara: 7 errori comuni da non fare mai

  • Attualità

    La bufala del vaccino su chiamata a Roma

  • Cultura

    La Roma di Stefania Orlando

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento