MonteMarioToday

Forte Trionfale, il progetto di recupero è rimasto nel cassetto: oggi è un “monumento al degrado”

Il flash mob di cittadini e associazioni per riprendere il progetto di riqualificazione mai avviato: "Diventi polo culturale della città"

“Salviamo il Forte Trionfale dal degrado”. E’ questo lo slogan con il quale alcuni cittadini hanno manifestato davanti all’ex campo militare. La riqualificazione progettata al tempo dell’ex sindaco Marino si è arenata: niente sede per gli uffici del Municipio XIV che nel frattempo sono stati spostati al Santa Maria della Pietà, nessun recupero dei 14 ettari di parco, nè piazza della cultura o alloggi per militari. 

l flash mob per il recupero del Forte Trionfale

“Un progetto - dice Alessio Cecera, ex assessore all’Urbanistica del Municipio XIV - rimasto nei cassetti del Dipartimento. Eppure ad esmepio il trasferimento degli uffici municipali dentro la Caserma Ulivelli avrebbe rappresentato per l’erario del Comune di Roma un risparmio di 500mila euro annui con i quali avremmo ripagato tutti gli interventi di ristrutturazione e riqualificazione”.

Così comitati, associazioni e le forze politiche che promossero il progetto di rinascita del Forte Trionfale vogliono riprendere l’idea di rinascita del complesso militare. “Da giugno, ossia da quando questa amministrazione fallimentare andrà a casa, chiediamo che questo progetto venga rimesso in piedi e che un percorso partecipato con i cittadini, ma anche player pubblici come Auditorium , Maxxi, Zetema, lo trasformi in un luogo per la cultura di tutta la città” - ribadisce Cecera, che in XIV si è fatto avanti anche come candidato presidente alle prossime elezioni amministrative. 

Forte Trionfale nel degrado: "Diventi polo culturale della città"

Al flash mob anche Giovanni Caudo, al tempo assessore all’Urbanistica di Roma Capitale: “Questo progetto andava solo attuato, tutto a costo zero per il Comune. Invece sono passati sei anni ed oggi  restano soltanto degrado e abbandono”. 

“Dopo un progetto dettagliato frutto di un processo partecipato, sia il Municipio XIV sia il Comune, entrambi guidati dal M5S, hanno prima modificato parte del progetto senza consultare la cittadinanza per poi bloccarlo del tutto con lungaggini che hanno prodotto un nulla di fatto. L’unico risultato raggiunto - sottolinea Olimpia Troili, esponente del Partito Democratico - è stato quello di perdere tempo prezioso, lasciando i locali del forte all’incuria e al deterioramento progressivo. Oggi riqualificare la struttura costerà di più e a pagare saranno i cittadini. Il Forte Trionfale - conclude la dem - deve essere recuperato dal suo attuale stato di abbandono al più presto per essere riconvertito a beneficio del quartiere e di tutta la città”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zona arancione, cosa si può fare e cosa no a Roma e nel Lazio dal 17 gennaio

  • Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

  • Chi è Manolo Gambini il detenuto evaso da Rebibbia dopo aver scavalcato la recinzione

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Sabato zona gialla a Roma e nel Lazio: il 16 gennaio giornata limbo prima della stretta

  • Coronavirus, a Roma e nel Lazio la situazione sta peggiorando: "Si è perso il controllo dei contagi, vi spiego perché"

Torna su
RomaToday è in caricamento