rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Balduina Balduina / Via di Domizia Lucilla

Incendio al Parco di Monte Ciocci, la denuncia: "Servono maggiori controlli"

Le fiamme hanno lambito l'istituto agrario. Menna, assessore del Municipio XIV: "Nessun danno a cose o persone". Fratelli d'Italia: "Non c'è la manutenzione delle aree verdi"

Ancora un incendio nella Capitale, vittima stavolta il Parco di Monte Ciocci. Il rogo è divampato tra il 28 e il 29 agosto dopo la mezzanotte e ha interessato un’area di sterpaglie. I vigili del fuoco hanno provveduto a spegnere le fiamme che hanno lambito l’istituto Agrario, situato in via di Domizia Lucilla. Inoltre alcuni residenti, spaventati, sono scesi in strada. 

"Nessun danno a cose o persone"

“Non ci sono stati danni a persone o cose” sono state le parole di Michele Menna, assessore alla Sicurezza di Monte Mario, il quale ha aggiunto: “Il personale del Servizio Giardini e della Protezione civile - oggi intorno alle 13,30 - si è recato sul luogo dell’incendio, per un’ispezione e per verificare eventuali criticità”

incendio monte ciocci-4

"Necessari maggiori controlli"

“Mi hanno avvisato dell’incendio mentre stavo dormendo. Così mi sono alzata e ho visto le fiamme”. Orchidea De Santis, fondatrice del Comitato spontaneo Monte Ciocci, ha raccontato a RomaToday la propria testimonianza: “A mio avviso – ha continuato – sono necessari maggiori controlli, visto che le aperture e chiusure del Parco non sono regolarizzate. Gli arredi sono ormai vittime di atti vandalici, bisogna mettere un freno a certe situazioni”.

La manutenzione delle aree verdi

Sulla vicenda sono intervenuti pure gli esponenti di Fratelli d’Italia Fabrizio Ghera, Federico Guidi e Lavinia Mennuni. Il consigliere capitolino e i dirigenti romani di FdI, in una nota, hanno affermato: “Le fiamme sono partite dal Belvedere. La settimana scorsa era andato a fuoco il Parco del Pineto. Questa vergogna inaccettabile degli incendi poteva e doveva essere evitata. Comune, Municipio XIV e Roma Natura non hanno fatto ciò che dovevano fare: chiudere i cancelli, impedire i bivacchi, tagliare l'erba secca e realizzare sentieri frangifiamme. Siamo alle solite, non si fa la manutenzione delle aree verdi: permettere all'erba di crescere e alle sterpaglie di  prosperare, costituisce il migliore presupposto per far propagare un incendio”

incendio monte ciocci 1-2

L'incendio di gennaio

Fiamme e fumo avevano già fatto visita al Parco di Monte Ciocci nel mese di gennaio. Un vasto incendio, nell’occasione, si era propagato tra via Anastasio II e via Pietro De Cristofaro. Sul posto i vigili del fuoco furono impegnati diverse ore per spegnere il rogo alimentato dagli sterpi che stavano bruciando. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendio al Parco di Monte Ciocci, la denuncia: "Servono maggiori controlli"

RomaToday è in caricamento