Domenica, 24 Ottobre 2021
Altre Valle Aurelia / Via di Valle Aurelia

Valle dell'Inferno, la denuncia: "Crolla albero di venti metri e dopo mesi nessun intervento"

Accorinti (FdI): "Resta una situazione di degrado"

Il transennamento in via di Valle Aurelia “vive e lotta insieme a noi”. Una situazione “di degrado” quella registrata nel Borghetto Valle dell’Inferno che va avanti da mesi. A segnalarla Fulvio Accorinti, consigliere di Fratelli d’Italia nel Municipio XIV, che ha affermato: “Accendiamo un faro per denunciare lo stato delle cose in questo lato del territorio. Parti delle carreggiata sono chiuse da marzo, mentre l’altro lato della strada è stato messo in sicurezza da canne e alberature pericolanti lo scorso ottobre”.

L'albero caduto a marzo

Accorinti ha ripercorso le tappe e le ha trascritte in un’interrogazione rivolta sia al minisindaco, Alfredo Campagna che all’assessora all’Ambiente, Valeria Pulieri: “Il 7 marzo un albero di circa venti metri è caduto sopra una casa abbandonata. L’alberatura ricadeva all’interno di una proprietà privata, una vecchia fornace e danneggiò il vecchio immobile, anch’esso di proprietà privata. Dopo circa sette mesi siamo sempre allo stesso punto – ha continuato – con parti dell’alberatura ancora presenti e mai rimossi. Il tratto della carreggiata limitrofa, inoltre, è stato transennato, con il conseguente grave degrado di tutta l’area”.

La procedura di intervento in danno

Secondo l’esponente di centrodestra “ancora non ci sono notizie circa la rimozione dell’albero da parte del proprietario. Inoltre ancora non sappiamo se ci sia stata l’apertura di un’eventuale procedura di intervento in danno a carico dei privati per l’abbattimento delle alberature rimaste all’interno della fornace, che possono rappresentare un serio rischio per l’incolumità pubblica”.

alberature e canneti-2

Il transennamento compie un anno

Restando su via di Valle Aurelia, Accorinti ha ricordato pure che un lungo tratto da un anno (foto sopra) “è transennato per la messa in sicurezza della strada, a causa della presenza nelle aree limitrofe di alberature pericolanti o di canneti che riducono la visibilità della strada”.

Gli striscioni contro il M5S

I residenti del Borghetto, pertanto, sono in attesa di giorni migliori. Da queste parti il malcontento non è nascosto. Qualcuno, nelle settimane scorse, ha appeso striscioni contro il M5S che recitavano “Raggi dove sei”, “Ridateci la strada. Ora basta” e “Cittadini di serie B”. Messaggi inequivocabili che hanno portato alla luce un disagio esistente e che può essere messo a tacere solo con delle risposte certe.

La posizione del Municipio

L'assessora Valeria Pulieri, a RomaToday, ha fatto sapere: "L'intervento era stato programmato per la scorsa settimana ma per problemi tecnici è stato rimandato. La parte politica sta seguendo strettamente la questione con richieste costanti da sei mesi, come sanno bene i comitati locali e sono sei mesi che facciamo richieste per i necessari interventi. La polizia locale, interpellata numerose volte e ascoltata anche in riunioni ad hoc, ci dice purtroppo che le procedure degli interventi in danno sono estremamente complicate. Sono sicura che se gli uffici ne avessero avuto la possibilità, avrebbero accelerato il processo nell'interesse dei cittadini".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Valle dell'Inferno, la denuncia: "Crolla albero di venti metri e dopo mesi nessun intervento"

RomaToday è in caricamento