rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Altre Trionfale / Piazzale Socrate

"Spaccarsi abbestia sotto casa del sindaco Raggi": l'evento su Facebook fa il pieno di birra

Successo per l'iniziativa nata sul social network in 'risposta' all'ordinanza anti alcol. Roberto racconta a RomaToday: "Un'idea goliardica, tra il serio e il faceto. Il prossimo appuntamento? Per la funivia Casalotti-Battistini"

“Il risveglio della domenica? Come se fosse stato il giorno successivo a Capodanno. Che hanno detto i colleghi di lavoro?  La cosa che mi ripetono sempre: sono un pazzo”. Roberto Di Leo, al telefono, non è per nulla impastato. Anzi, la voce è squillante. L’evento su Facebook - ‘Spaccarsi abbestia sotto casa del sindaco Virginia Raggi’ - ha fatto proseliti nel giro di un amen. O meglio, di un cin cin: “Tutto è cominciato tra il serio e il faceto. Io ed Elena Cecchini, l’altra testa pensante dell’iniziativa, stavamo commentando l’ordinanza anti alcol – ha raccontato a RomaToday – e a una certa è stato notato che nell’elenco delle strade mancava il Municipio XIV. Ossia dove vive la Raggi”.

A rendere più curiosa la cosa, è che Roberto vive a Ponte di Nona "dove di movida c’è solo il nome di un bar aperto h24. Non bisogna chiedersi cosa ci azzecchi io con il Municipio XIV. Bisognava fare ‘giustizia’: o tutti o nessuno”. Così è nata l’idea “goliardica” e “giocosa”: “Spaccarsi a bestia mi dava, come dite voi giornalisti, un titolo. Non c’era alcuna intenzione di fare confusione. Era soltanto un modo per canzonare l’ordinanza”. Da qui il passaggio sul social network: “Gli iscritti sono aumentati minuto dopo minuto. Hanno preso fuoco, proprio come un incendio”.

birre-3

Per domare le fiamme a base alcolica, Roberto ha gestito la situazione  attraverso un vademecum: “Dalle 22 in poi (di sabato 8 luglio, ndr) al grido di Birra con la stessa espressione di Mel Gibson in Braveheart, si darà inizio alle danze. Magari cerchiamo di non frullare bocce o lattine in giro, perché la città ha già evidenti problemi di smaltimento della mondezza".

Il ritrovo è stato fissato a piazzale Socrate, dove c’era il cartello: “Una birra vale uno”. Anche se i partecipanti a questa sorta di flash mob avevano segnalato altri punti del territorio da aggiungere alla lista, per allargare la maglia: via Mattia Battistini davanti alla fermata della metro, piazza Capecelatro, largo Millesimo, piazza della Balduina, la Pista ciclabile e il Gulliver di Ottavia (“a furor di popolo”).

Il resto, direbbero quelli bravi, è storia: foto, messaggi, commenti. Un mix che ha suggellato una serata definita “epica”. “Sono tornato a casa felice. Guidava la mia ragazza, che è astemia. Ci tengo a sottolinearlo” ha puntualizzato Di Leo. Ovviamente, già si pensa a un sequel. Che potrebbe arrivare, in altre vesti. 

Infatti, l’obiettivo di Roberto – tecnico elettronico, che alle ultime amministrative ha votato M5S – è il progetto della funivia Casalotti-Battistini: “Appena sarà posata la prima pietra, spero non di agosto, dobbiamo andare tutti sul posto vestiti da sciatori o da tirolesi. Mi sembra il minimo. Sarebbe bello invitare Alberto Tomba, così gli chiederemo di interpretare le scene più divertenti del suo film Alex L’Ariete. Cioè tutte”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Spaccarsi abbestia sotto casa del sindaco Raggi": l'evento su Facebook fa il pieno di birra

RomaToday è in caricamento