Sabato, 18 Settembre 2021
Altre Selva Candida / Largo Ines Bedeschi

Selva Nera, oltraggio per la Festa della Donna: distrutta la targa delle partigiane

Ennesimo atto vandalico. L'episodio ieri sera su largo Ines Bedeschi. Errani (Sinistra italiana): "Al minisindaco Campagna chiederemo il minimo sindacale, ossia il ripristino"

La targa delle partigiane distrutta (foto Facebook di Fabiana Scrollini)

Una casualità o meno? Ieri 8 marzo, giorno della Festa internazionale della Donna, è stata distrutta la targa delle Partigiane su largo Ines Bedeschi, a Selva Nera, nel Municipio XIV. Oltre al danno la beffa: perché quella targa, sparita nel nulla a ottobre, era stata ricollocata al suo posto il 21 gennaio grazie a un'iniziativa di Sinistra italiana. 

Fabiana Scrollini, esponente locale di Si, ha raccontato a RomaToday: “Sono rientrata a casa verso le 23. Lì per lì ho pensato che fosse caduta per colpa del forte vento. Poi mi sono avvicinata e per terra non c’erano pezzi. Sono senza parole. Addirittura la targa dell'aiuola del Comune era stata schiacciata.

Duro l’affondo di Ivan Errani, ex assessore all’Ambiente e rappresentante di Sinistra italiana nel Quattordicesimo: “Manderemo una nota ufficiale al minisindaco, Alfredo Campagna, a cui chiederemo il minimo sindacale: il ripristino. I soliti idioti che hanno problemi con la democrazia e l'antifascismo hanno di nuovo danneggiato la targa in memoria delle partigiane”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Selva Nera, oltraggio per la Festa della Donna: distrutta la targa delle partigiane

RomaToday è in caricamento