Altre Primavalle / Via di Selva Candida

Selva Candida, lettrice denuncia: "Siamo stanchi di tutto questo cemento"

Una lettrice residente nel Muncipio XIX ritiene che stiano facendo uno scempio nel quartiere di Selva Candida dove, scrive, si parla di costruire il nuovo centro commerciale più grande d'Europa

"Siamo stanchi di tutto questo cemento nella zona di Selva Candida". Lo dice con forza una residente del quartiere del Municipio XIX che ci ha inviato una lettera. "Come altre persone della zona sono indignata e scandalizzata per il piano regolatore fatto dalla giunta Veltroni che ci ha costretti a subire tutto questo cemento nella zona di Selva Candida, con aumento di traffico inevitabile dato che sono stati costruiti i palazzi ma non sono state adeguate le strade".


La lettrice trova il suo quartiere trasformato in negativo. "E' dal 1975 che io abito a Selva Candida e di questa zona prima bellissima, tranquilla e verde ne stanno facendo uno scempio. Oltre al cemento che già c'è e che ancora dovrà arrivare - se è vero che verra costruito il nuovo centro commerciale più grande d'Europa - abbiamo dei mezzi pubblici non sufficienti e delle strade che non ci permettono di arrivare al lavoro, se non uscendo ad orari improbabili, per la distanza in chilometri che separa la casa dal lavoro. I politici del nostro Municipio non hanno il polso per farsi valere sul Comune di Roma che ha fatto una variante e dovrebbe costruire altri appartamenti non previsti in Via Ponderano, traversa di Via di Selva Candida. Forse conviene anche a loro accettare tutto questo. Ne avranno un ritorno?", si chiede la residente concludendo la sua lettera.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Selva Candida, lettrice denuncia: "Siamo stanchi di tutto questo cemento"

RomaToday è in caricamento