MonteMarioToday

Selva Candida, il piatto piange: la cucina della scuola non funziona

Da oltre un anno problema mai risolto in via Santi Audiface ed Abacuc

La scuola elementare di Selva Candida (foto Facebook)

Una scuola elementare attesa da sempre, inaugurata lo scorso anno, con una mensa interna incompleta: la cucina, infatti, non è mai entrata in funzione. Questa è la situazione registrata a Selva Candida, in via Santi Audiface e Abacuc, Municipio XIV. Il plesso, nuovo di zecca, dopo gli applausi e le fanfare non ha mai garantito il servizio sopracitato. Il cibo, va detto, è regolarmente somministrato ai bambini. E arriva dalla sede centrale (la Pablo Neruda, situata in via Casal del Marmo).

La cucina non funziona

I genitori, ancora, sono in attesa di segnali confortanti. Perché la vicenda, gratta gratta, gira intorno a un punto: come mai quella cucina non ha mai dato un segno di vita? Quesito, questo, che aspetta una chiave di volta. Nel frattempo l’argomento, secondo quanto appreso da RomaToday, mercoledì 29 novembre - ore 13 - finirà sul tavolo della commissione Trasparenza, che è presieduta da Julian Colabello, consigliere Pd. 

Il servizio che non va

La mensa della scuola, per la cronaca, ha sedie e tavolini. Anche se l’allestimento è stato ultimato da poco: “Dallo scorso mese ci sono utensili ed elettrodomestici – ha confermato un rappresentante dei genitori – che invece erano assenti al momento del taglio del nastro. La fornitura dell'attrezzatura doveva essere messa a budget. E a ottobre è arrivata. Solo che la cucina, purtroppo, è inutilizzata”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La lettera del Comitato

C’è dell’altro. Il Comitato spontaneo genitori scuola Selva Candida, il 7 novembre, ha scritto al dipartimento Sviluppo infrastrutture e manutenzione urbana, per avere ragguagli. Nella missiva, ha ricordato che l’edificio è accessibile dal settembre del 2016 e che ancora perdurano delle criticità. Tra queste, la cucina che non va. A tal proposito, hanno segnalato: “Da una verifica effettuata da parte degli organi competenti, sembra che l’alimentazione elettrica asservita a tutte le attrezzature non sia sufficiente per il carico richiesto, motivo per cui a oggi ancora non viene espletato il servizio di cottura degli alimenti”.  Premessa a parte, ecco la richiesta: capire se “l’impiantistica elettrica al servizio dei locali mensa/cucina sia di adeguata potenza per supportare il carico richiesto dall’utilizzo contemporaneo di tutte le attrezzature presenti”. A chiudere, come riferito a questo portale dall'Amministrazione di Monte Mario, la ditta incaricata sta lavorando per apportare delle modifiche al quadro elettrico. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La sala è piena di pubblico senza mascherina: la “bolla” del Costanzo Show fa infuriare i social

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • La marcia 'nera' su Roma, l'ultra destra sfida il coprifuoco. La Questura: "Nessun preavviso per il corteo"

  • Ristorante romano consegna le chiavi a Virginia Raggi: "Roma muore e con sé la ristorazione e il turismo"

  • Centro commerciale Maximo, salta l'inaugurazione: le insegne sono coperte e sull'apertura cala il silenzio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento