rotate-mobile
Domenica, 2 Ottobre 2022
MonteMario Ottavia / Via Giovanni Martinotti

Sanità, patto S. Filippo Roma - Nassiriya per la formazione dei medici

Presentato oggi un accordo, tra le due strutture ospedaliere, che avvierà un percorso di formazione di medici iracheni nella struttura romana; Polverini: “Questa è un’altra delle cose belle che facciamo”

E’ stata presentata oggi, nell’ospedale San Filippo di Roma, la firma dell’accordo per un protocollo d'intesa, tra l'ospedale San Filippo Neri di Roma e l'ospedale di Nassiriya in Iraq, allo scopo di avviare un percorso di formazione di medici iracheni nella struttura romana. L’iniziativa, nell'ambito degli accordi bilaterali tra l'Italia e il Paese mediorientale, è stata presentata dalla Presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, assieme al Direttore Generale dell'ospedale, Domenico Alessio, Raffaele D'Ambrosio, il Vicepresidente del Consiglio regionale, il coordinatore della task-force in Iraq Massimo Bellelli e Shamel al-Khateeb, responsabile Affari Generali dell'Ambasciata irachena.

Il protocollo, che avrà una durata di tre anni, prevede la formazione di 5 medici iracheni per 4 mesi nelle strutture italiane; con particolare riguardo alle specializzazioni di ostetricia, laboratorio analisi, radiologia, anestesia, chirurgia generale e neurochirurgia. Medici italiani, inoltre, andranno in Iraq per uno scambio di esperienze, ed è prevista anche una forma di tutoraggio a distanza, tramite il software freeware di messaggistica istantanea e VoIP Skype.

"Questa collaborazione - ha commentato Polverini - darà tantissimo all'Iraq, ma anche a noi, in termini di esperienza e professionalità: è un bel segnale che diamo alla sanità pubblica. Questa è un’altra delle cose belle che facciamo - ha aggiunto ricordando l'esperienza del San Camillo con i feriti dalla Libia - stiamo costruendo una squadra sempre più attiva. I primi 7 mesi sono stati i più duri - ha poi aggiunto riferendosi al Piano di rientro della sanità - Ma io sono orgogliosa di aver penalizzato quelle strutture che non offrivano un servizio di qualità e di aver invece premiato quelle che danno una sanità d'eccellenza”.

Oggi Italia e Iraq sono più vicini, anche per la sanità - ha affermato infine il Direttore Generale Alessio - Il fatto che sia stato coinvolto proprio il San Filippo rappresenta il riconoscimento internazionale della professionalità di chi lavora qui". (fonte ANSA)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità, patto S. Filippo Roma - Nassiriya per la formazione dei medici

RomaToday è in caricamento