Guidonia Piazza Giacomo Matteotti

Rubeis: “Non mi sono dimesso, governerò con chi ci sta”

Il primo cittadino controbatte le dichiarazioni del capogruppo Pdl: "Gli ricordo che il sindaco sono io e che da domani governerò con chi riterrà opportuno essere al mio fianco"

Botta e risposta tra il sindaco di Guidonia Montecelio Eligio Rubeis ed il capogruppo Pdl Marco Bertucci. Al centro del dibattito la scelta del primo cittadino di revocare le deleghe dei suoi assessori a cui il consigliere di maggioranza ha risposto senza troppi giri di parole. Da qui un'ulteriore replica del sindaco: "Conosco il gioco degli scacchi meglio di chiunque altro, il re è il re sulla scacchiera e solo raramente viene battuto e non è questo il caso. La notizia di oggi (ieri ndr) non sono le mie dimissioni, come impropriamente riportato in un comunicato stampa del mio capogruppo, ma il ritiro delle deleghe ai miei assessori che comunque restano in carica, in verità un richiamo al senso di responsabilità a quella forza politica del Pdl che mi ha sostenuto in campagna elettorale".

ISOLA FELICE - Eligio Rubeis che non accetta fraintendimenti da parte di Bertucci: "Nessuno può eccepire sul fatto che Guidonia Montecelio sia un’isola felice nella Provincia di Roma, nella Regione Lazio, quale espressione dei governi di centrodestra. Non accetto che le mie parole di forte richiamo vengano fraintese non si sa per quale ragione. Le affermazioni pronunciate oggi (ieri ndr) da Marco Bertucci non sembrano appartenere alla componente del Pdl che più di ogni altra mi ha sostenuto nell’azione di governo fino ad oggi. Mi riferisco alla componente ex An del Pdl, così autorevolmente rappresentata da Mauro Lombardo, dal mio vicesindaco Ernelio Cipriani, dal consigliere Gianluigi Marini: sono convinto che questi saranno d’accordo nel sostenere con me l’unica amministrazione del centrodestra nella Provincia di Roma ad aver fatto grandi cose".

IL SINDACO SONO IO - Possibili dimissioni dichiarate dal capogruppo Pdl che il sindaco Rubeis accetterebbe: "Una amministrazione che è stata capace di contenere il peso di grandi scandali solo grazie alla mia forza, personale e politica, unico sindaco a governare senza l’appoggio de La Destra di Storace e dell’Udc. Ho grande stima del mio capogruppo Marco Bertucci, ne accetto le dimissioni, ma gli ricordo che il sindaco sono io e che da domani (oggi ndr) governerò con chi riterrà opportuno essere al mio fianco".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rubeis: “Non mi sono dimesso, governerò con chi ci sta”

RomaToday è in caricamento