Guidonia

Guidonia: gli rompono le ossa per un cellulare. Due arresti

I carabinieri rintracciano due uomini di 37 e 42 anni che poco prima avevano aggredito e derubato un 26enne rompendogli il naso ed una costola per rubargli giacca e telefonino

Gli hanno rotto il naso ed una costola perché impossibilitati a rubargli il portafoglio che non aveva. Per questo i carabinieri dell'Aliquota Radiomobile della Compagnia di Tivoli hanno arrestato due cittadini romeni, R.M.G. e I.C.P., di 42 e 37 anni. Il fermo è avvenuto nel Comune di Guidonia Montecelio dopo che i due hanno aggredito con un'inspiegabile violenza un cittadino ucraino 26enne al quale, dopo avergli fratturato le ossa, hanno portato via il giaccone ed un telefono cellulare, visto che il malcapitato non aveva con sé neanche il portafogli. E forse è stata proprio quest’ultima circostanza ad avere scatenato la rabbia nei due uomini che, dopo pochi minuti dalla rapina sono stati rintracciati ed arrestati dai Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Tivoli.
 

ARRESTI E OSPEDALE: Gli uomini dell’Arma hanno trovato in possesso degli aggressori tutta la magra refurtiva e l’hanno restituita alla vittima, che è stata accompagnata al pronto soccorsodell’ospedale ‘San Giovanni Evangelista’ di Tivoli, dove gli è stata data una prognosi di 20 giorni. Per i due romeni si sono aperte le porte del carcere di Roma Rebibbia, dove al momento si trovano a disposizione dell’autorità giudiziaria, davanti alla quale dovranno rispondere dei reati di rapina e lesioni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Guidonia: gli rompono le ossa per un cellulare. Due arresti

RomaToday è in caricamento