Guidonia Piazza Giacomo Matteotti

Guidonia, Api-Udc: “Rubeis senza maggioranza. Si dimetta”

I capigruppo a Palazzo Matteotti Lippiello e Pagano rimarcano la crisi della maggioranza chiedendo al sindaco di prenderne atto: "Delegittimato dai suoi uomini"

Guidonia: Palazzo Matteotti

Un Sindaco delegittimato che non può esimersi dalle dimissioni. I capigruppo Udc e Api al Comune di Guidonia Montecelio attaccano Eligio Rubeis evidenziando quella che reputano una crisi di maggioranza insanabile: “Lo stato di crisi della maggioranza guidata dal Sindaco-Architetto Eligio Rubeis è di una disarmante evidenza - scrivono in una nota congiunta Filippo Lippiello e Michele Pagano -. Abbiamo più volte rappresentato le contraddizioni interne a una maggioranza e un Esecutivo incapaci di rappresentare con compiutezza i bisogni della Città”.
 

DIMISSIONI INEVITABILI: Lippiello e Pagano che evidenziano le liti in seno alla maggioranza chiedendo al Primo Cittadino di prenderne atto dando le proprie dimissioni: “Il rincorrersi di accuse, alcune di una certa gravità, e l’incapacità di trovare una sintesi tra le diverse anime che compongono questa litigiosa compagine, rendono, ormai, inevitabili le dimissioni di un primo cittadino delegittimato dai sui stessi consiglieri di riferimento”.

BUON ESEMPIO: Un attacco diretto che invita Rubeis a dare il buon esempio ai cittadini: “Ci pare opportuno, in una fase storica di disaffezione nei confronti della politica intesa nella sua accezione generale, che l’Istituzione più vicina alla collettività dia buoni esempi e non produca, invece, a livello locale, ulteriore distacco da quanti debbono rappresentare i bisogni della collettività. E’ opportuno un richiamo alla moderazione e alla necessità di dare risposte concrete ai bisogni dei residenti. Il Sindaco - concludono Pagano e Lippiello - ufficializzi lo stato di crisi della maggioranza in Consiglio e prenda atto della necessità di rimettere il mandato”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Guidonia, Api-Udc: “Rubeis senza maggioranza. Si dimetta”

RomaToday è in caricamento