Sabato, 31 Luglio 2021
Guidonia

Legambiente vs protocollo d’intesa tra Comune e Consorzio Laziale Rifiuti

Attacco dell'associazione ambientalista nei confronti delle politiche ambientali del territorio. Sotto la lente il protocollo d'intesa tra Comune e Consorzio Laziale Rifiuti

inviolata_invasoAd integrazione di quanto pubblicato il 17 giugno scorso dal settimanale Dentro Magazine e a proposito del protocollo A.C.-Co.La.Ri., teniamo a precisare che tale iniziativa dell'amministrazione comunale è talmente discutibile, in via generale e sotto ogni specifico profilo, che ci chiediamo fino a che punto valga la pena di entrare nel merito delle sue grottesche sfaccettature. Il nostro giudizio complessivo è totalmente negativo anche se, purtroppo, non cambia i fatti compiuti. E' sconcertante ed indifendibile questo modo di operare scelte così importanti estromettendo le parti sociali e i portatori di interesse ambientali e di salute pubblica. Il Parco dell'Inviolata sarà ancor più smembrato in quanto si prevede l'apertura di “strade della monnezza” che coinvolgeranno Santa Lucia e Ponte delle Tavole. I comuni che potranno conferire rifiuti apparterranno ad un ambito regionale. Contestualmente nell'intesa, non compare nessun impegno del Co.La.Ri a rispettare un qualsivoglia limite di trattamento rifiuti inferiore alle 190.000 tonnellate/anno, autorizzate con il beneplacito del Sindaco che ha deciso ignorando la Delibera approvata dal Consiglio Comunale.

SUDDITANZA CON I PRIVATI:Sono queste particolari omissioni – prosegue il comunicato di Legambiente - che potrebbero essere interpretate come un atteggiamento compiacente o di sudditanza nei confronti del gestore privato. Ci preme evidenziare, a beneficio dei cittadini, come l'azione amministrativa si muova – ancora una volta – nella direzione degli interessi privati a scapito di quelli pubblici. Ciò è possibile grazie alla esclusione della popolazione e dei portatori di interesse pubblico da ogni decisione ad alto impatto sociale, economico ed ambientale”.agenda-21

AGENDA 21: "Una parte dell'Amministrazione parla di Agenda 21 mentre altre componenti, remano contro e, di fatto, non ne vogliono sapere. C'è una continuità in materia di politica ambientale tra le Amministrazioni che si sono succedute al governo della città. Ai tempi del centro-sinistra come in quelli del centro-destra le priorità rimangono l'impianto e lo svincolo: due infrastrutture irrinunciabili per gli attuali progetti del Co.La.Ri. e per le prospettive della Buzzi Unicem".

LA VECCHIA AMMINISTRAZIONE:Le scelte ‘compiacenti’ ed inique dell'azione amministrativa - prosegue ancora la nota del circolo di Guidonia - arrecano seri danni alla comunità sia sotto il profilo sanitario che economico. Basti pensare al protocollo di intesa tra la passata amministrazione comunale e la Buzzi Unicem SpA. Non è servito a nulla mostrare all'allora sindaco Lippiello (ed al Consiglio Comunale) che stava concludendo un pessimo affare per la città. Niente ha potuto smuovere la sua granitica certezza che il protocollo fosse un ottimo accordo! La cronaca successiva ha dimostrato che aveva ampiamente torto e che l'affare non lo faceva la città ma qualcun altro... a scapito nostro! Grazie Lippiello".

LE ALTRE PRIORITA’:Quando anche il protocollo con il Co.La.Ri. – conclude il comunicato stampa dell’associazione ambientalista di Guidonia
- produrrà i suoi effetti perversi ringrazieremo Rubeis. La raccolta differenziata è ritardo ma sarà l'arma principale con la quale contrasteremo il business del mega impianto di trattamento dei rifiuti nel parco. Poi c'è l'importante questione della difesa del suolo, del sottosuolo, dei reperti archeologici e delle falde acquifere del Parco dell'Inviolata. Si tenga conto che analoghi grandi problemi ambientali esistono anche nel resto del territorio per via di tutte le altre aree deturpate dalle escavazioni, dagli inquinanti e dal dissesto idrogeologico. Tutte questioni che affronteremo a breve e sulle quali è ora concentrata una nostra particolare attenzione
”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Legambiente vs protocollo d’intesa tra Comune e Consorzio Laziale Rifiuti

RomaToday è in caricamento