Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Guidonia Guidonia Montecelio / Piazza Giacomo Matteotti

Tributi Tarsu, Cgil: "Guidonia colonizzata dalla Tre Esse Italia"

I sindacati denunciano le modalità di riscossione per le rate della spazzatura: "Aumenti e sanzioni non previste"

Un comune colonizzato dalla ditta che ha in appalto la riscossione dei tributi e delle entrate. Modalità di 'recupero' della Tarsu (Tassa Smaltimento Rifiuti Solidi Urbani) poco consone al regolamento con "sanzioni non previste". Ad attaccare frontalmente l'operato della Tre Esse Italia Srl, "demandata" dall'amministrazione comunale del Sindaco Eligio Rubeis alla riscossione dei tributi e delle entrate dei cittadini del Comune di Guidonia Montecelio la Cgil Fp della Città dell'Aria: "Cittadini, il nostro Comune è stato definitivamente colonizzato dalla ditta Tre Esse Italia S.r.l. L’Amministrazione Comunale, oltre ad aver concesso alla ditta la riscossione dei tributi ed altre entrate, ha demandato alla stessa la propria sovranità, permettendole, sia di firmare comunicazioni dell’Ente, sia di applicare ai danni dei contribuenti sanzioni non previste dalle norme vigenti, affinché si provveda al pagamento".

SANZIONI NON APPLICABILI - Sindacati che oltre a puntare il dito contro le modalità previste dalla Tre Esse Italia si rivolgono anche all'operato dell'amministrazione di centrodestra che governa Palazzo Matteotti: "L’informativa allegata ai bollettini di pagamento Ta.R.S.U. 2012,  redatta su carta intestata del Comune, è firmata : "Tre Esse Italia S.r.l. – L’Amministratore Unico – Delia Corsi”. Il presidente del consiglio comunale, il sindaco, i consiglieri, non hanno niente da dire? Che aspettano che l’amministratore unico delle ditta Tre esse venga a presiedere il consiglio comunale? Le sanzioni minacciate nell’informativa non sono applicabili alla riscossione spontanea della Ta.R.S.U., la norma le prevede esclusivamente, sui versamenti in base a denunce (redditi ecc.), su tributi a versamento diretto I.C.I. ed I.MU, sull’accertamento di eventuale evasione".

INTERESSI DI MORA - Cgil Fp che descrive il meccanismo sanzionatorio previsto dalla Tre Esse Italia: "L’avviso emesso e inviato per posta semplice non può mettere in mora i contribuenti. In caso di mancato pagamento, parziale o totale, la ditta dovrà provvedere ad emettere, ingiunzione fiscale (notificata a mezzo raccomandata A.R.) per l’importo maggiorato delle sole spese di notifica ( non del 30 %). Solo a questo punto,  in caso di mancato pagamento entro i sessanta giorni dal ricevimento dell’ingiunzione, decorreranno gli interessi di mora. Quanto affermato sull’informativo si riferisce esclusivamente all’evasione fiscale che nel caso della Ta.R.S.U. si esplicita nella mancata denuncia totale o parziale della superficie dell’immobile. Sulla differenza o sul totale evaso si dovrà provvedere alla notifica di avviso di accertamento a mezzo raccomandata a.r. della superficie evasa e della rispettiva tassa con sanzioni previste dall’art. 13 del D.Lgs. 471/97 e relativi interessi legali".

RATEIZZAZIONE - Sussiste infine lo strano caso dei bollettini arrivati nelle case dei cittadini, cotanto di possibilità di rateizzare ma con la bolletta unica di pagamento che porta la data della prima scadenza e non dell'ultima: "Fatto molto importante poi - prosegue la Cgil Fp - è la rateizzazione della tassa, essa infatti è concepita come uno strumento di ausilio per il contribuente e non come un pericolo di continue scadenze dalle quali guardarsi per non incorrere in sanzioni. Nonostante infatti quanto comunicato dalla Tre Esse, l’ultima data utile per il pagamento rimane quella riportata nell’ultimo bollettino e cioè Maggio 2013 , ciò vuol dire che le rate intermedie non comportano ne scadenze, ne sanzioni. Per quanto sin qui esposto,  il bollettino per il pagamento unico dovrebbe esser  datato appunto Maggio 2013 in corrispondenza con l’ultima rata utile ed invece la Tre Esse invita il contribuente a saldarlo entro il 30/11/2012, in poche parole il messaggio che vogliono comunicare è chiaro: se non volete rischiare è meglio pagare tutto e subito".

COMUNE COLONIZZATO - Ditta di riscossione dei tributi e delle entrate che conclude sottolineando come, tra le altre cose, vi sia stata una maggiorazione dell'addizionale comunale: "Le tasse vanno pagate, ma non terrorizzando e pressando i contribuenti, ai quali invece sarebbe stato opportuno comunicare che per l’anno 2012 le tariffe sono aumentate del 15% e che per ogni importo versato la ditta distrarrà per se il 5,46 %. Si coglie l’occasione per ricordare ai cittadini del Comune di Guidonia Montecelio anche l’aumento della addizionale comunale maggiorata del 60% (passata da 0,5% a 0,8%) e dell’Imu seconda casa del 36 %  (dal 7,6 al 9 x 1000). Non permetteremo ulteriormente che irrompano i coloni".
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tributi Tarsu, Cgil: "Guidonia colonizzata dalla Tre Esse Italia"

RomaToday è in caricamento