Guidonia Via della Tenuta del Cavaliere, 1

Immigrazione: Blitz della polizia nel Centro agroalimentare

Ieri all'interno di alcuni veicoli commerciali la polizia ha scoperto la presenza di alcuni immigrati clandestini utilizzati come manodopera in nero. Cinque i denunciati

Scoperto un giro di immigrazione clandestina e sfruttamento del lavoro nero. Nella giornata di ieri sono scattati i controlli della Questura nell'area a ridosso del Centro Agroalimentare. Sono state effettuate verifiche di tutti i veicoli in ingresso e, in alcuni di essi sono stati trovati a bordo cittadini extracomunitari non in regola, utilizzati come manodopera in nero.

Sono 728 i veicoli ispezionati e oltre 200 le persone identificate. Tra questi, 21 cittadini extracomunitari irregolari sono stati denunciati per la violazione della normativa sul soggiorno. 5 conducenti di mezzi pesanti sono stati denunciati per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina.

All'interno dei rispettivi veicoli, infatti, erano nascosti alcuni clandestini. Verosimilmente gli stessi erano destinati a prestare attività di manodopera in nero all'interno del centro, eludendo in questo modo i controlli. Ad operare sono stati gli uomini delle Volanti della Questura e della Polizia Stradale anche con il supporto delle Unità Cinofile. Sono state contestate complessivamente 39 violazioni del Codice della Strada mentre per due conducenti è scattata la denuncia per guida senza patente.

Il video dell'operazione


I COMMENTI "Malgrado la quantità dei mezzi fermati ed ispezionati - rende noto Cargest, società che gestisce il centro agroalimentare di Roma -nel piazzale di accesso all'agromercato gli incolonnamenti sono stati ordinati. Nessuna tensione nei controlli. Rallentamenti normali. Neanche l'ombra di scontri o liti. Disposta dal Questore Francesco Tagliente con un massiccio impiego di forze e mezzi in collaborazione con i vertici della società di gestione Cargest - e gestita sul campo dal Primo Dirigente Raffaele Clemente con l'ausilio di un elicottero e unità cinofile - l'azione ha preso di mira gli accessi di immigrati (spesso clandestini) non di rado caricati e nascosti sui mezzi di non pochi clienti del Car per essere sfruttati come facchini abusivi, talvolta dai loro stessi connazionali. Fenomeno, questo, segnalato di frequente alle forze dell'ordine dalla società di gestione e dalla vigilanza privata in quanto ritenuto collegato alla crescente aggressività di bande di immigrati (specie egiziani) interessate a imporre i loro
interessi e i loro sistemi nel carico e scarico".

Finiti i controlli, i vertici di Cargest hanno rivolto ringraziamenti al Questore e ai suoi uomini. "In particolare - ha precisato Massimo Pallottini,
Amministratore Delegato di Cargest - per il carattere non episodico, ma programmatico e strutturale dell'operazione, preceduta da un intenso e prolungato confronto anche personale con associazioni di categoria che il Dottor Tagliente ha accettato a Tivoli e a Guidonia'. Ma dai padiglioni commerciali del Car anche i grossisti si sono uniti ai ringraziamenti di Cargest considerando 'il prezioso contributo di sicurezza e trasparenza che l'opera delle Forze dell'Ordine assicura alle attività di impresa e agli scambi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Immigrazione: Blitz della polizia nel Centro agroalimentare

RomaToday è in caricamento