Martedì, 22 Giugno 2021
Guidonia Via Monviso

Guidonia: al Patrimonio dell’Ente i beni sottratti alla criminalità organizzata

Avviato l'iter per uno stabile di via Monviso a Colleverde. Il sindaco vorrebbe trasformarlo in un centro di aggregazione giovanile

Guidonia: Palazzo Matteotti

Verrà formalmente acquisito al patrimonio dell’Ente nei prossimi giorni, dopo che tutte le procedure di legge saranno state espletate, a cominciare dalle dichiarazioni che il dirigente di settore (Paola Piseddu, Demanio e Patrimonio) nel pieno delle prerogative d’ufficio, fornirà domani al magistrato del Tribunale di Tivoli sulla volontà dell’amministrazione di iscrivere tra i propri beni lo stabile di via Monviso, angolo via Monte Nevoso, quartiere di Colleverde di Guidonia, prima posto sotto sequestrato e poi sottratto alla proprietà di società ritenute in odor di criminalità organizzata. Lo comunica l'ufficio di Gabinetto del sindaco di Guidonia Montecelio.

BENI AL PATRIMONIO DELL'ENTE - La intera vicenda giudiziaria è stata ricostruita dalla Procura di Tivoli ed ha portato agli esiti di legge secondi i quali, le amministrazioni locali, possono scegliere di acquisire questo tipo di beni al Patrimonio dell’Ente. Lo stabile, un villino indipendente con giardino disposto su tre piani, sarà destinato a fini socioculturali.

CENTRO AGGREGAZIONE GIOVANILE - Il sindaco Eligio Rubeis pensa di trasformarlo in un centro di aggregazione giovanile, di riferimento per le realtà associative, e in una parte a sede del centro anziani, tale scelta sgraverebbe l’ente dall’onere economico relativo all’affitto dei locali privati che attualmente ospitano le attività della terza età.  Nei giorni scorsi una delegazione dei vigili urbani, nucleo di polizia giudiziaria, ha effettuato un sopralluogo per la verifica della condizione dello stabile che si presenta “completamente rifinito esternamente, in apparenza disabitato”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Guidonia: al Patrimonio dell’Ente i beni sottratti alla criminalità organizzata

RomaToday è in caricamento