Venerdì, 23 Luglio 2021
Guidonia

Finita l'era Bertucci? L'ex del Comune di Guidonia lascerà Atac

Monta la polemica sulla società che gestisce il trasporto pubblico di Roma. Il sindaco Alemanno vuole sostituire l'ex consigliere comunale di Guidonia ma Bertucci promette battaglia

Sembra ormai finita l'era di Adalberto Bertucci, ex consigliere comunale di Guidonia nella società Atac. Il sindaco Gianni Alemanno, come reso noto dal Corriere della sera, era pronto alla sostituzione del dirigente ma il guidoniano non vuole mollare.

Bertucci, stando alle dichiarazioni riportate al Corriere della Sera, non ha nessuna intenzione di dare le dimissioni, dunque, per sostituirlo toccherà mandarlo via. Intanto i tempi stringono per la presentazione del piano industriale della società di trasporti e la nomina di un nuovo dirigente dovrà anticiparlo. La situazione, ancora poco chiara, sta suscitando polemiche, soprattutto per la situazione economica in cui versa la partecipata romana.

La furia del Pd. "L'arrembaggio del centrodestra ad Atac, con l'assunzione indiscriminata di impiegati (oltre 800), con promozioni dirigenziali a go-go, di personale senza professionalità, anziché assumere, come richiesto ripetutamente dall'esercizio, autisti e operai, indispensabili al servizio, ha portato alla paralisi dell'azienda, divenuta un pachiderma incapace di muoversi, senza una adeguata dirigenza e senza personale nei punti chiave". E' quanto dichiara in una nota il Consigliere Comunale Athos De Luca, membro della Commissione Trasporti.

"Tutto ciò - prosegue il rappresentante del Pd - sta producendo disservizi e sprechi di ogni genere ma soprattutto per la prima volta nella storia di Atac effettuerà un milione e mezzo di km in meno rispetto al Contratto di Servizio del Comune, sopprimendo migliaia di corse ai danni degli utenti e subendo un taglio nei trasferimenti del Comune ad Atac. Una situazione senza precedenti - conclude De Luca - un segnale di allarme rosso, che dovrebbe far riflettere seriamente il Campidoglio sull'operato di questi due anni e mezzo di gestione di Ama e correre ai ripari con adeguate misure per salvare l'azienda più grande d'Italia dei trasporti".

La risposta del Pdl. "Il Pd versa le solite lacrime di coccodrillo sulla gestione di Atac. Ci chiediamo dove fossero gli esponenti del centrosinistra quando, durante i quindici anni di loro governo della Capitale, sono riusciti solamente a creare un nutrito numero di società che avevano dato fondo alle casse comunali - ha dichiarato Ugo Cassone, consigliere Pdl di Roma Capitale - Il centrosinistra, poi, guardi alle assunzioni effettuate negli anni precedenti, che sono le stesse riassorbite nel soggetto gestore. Si accorgerà che i principi di rigore ed efficienza che l'attuale gestione sta attuando sono messi in pratica, senza sprechi e nella garanzia del servizio per i cittadini".

"Non accettiamo nessuna lezione da coloro i quali hanno depauperato il bilancio del comune di Roma - conclude Cassone -e delle sue aziende collegate a danno della città tutta".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finita l'era Bertucci? L'ex del Comune di Guidonia lascerà Atac

RomaToday è in caricamento