menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Montagnola: lo Sportello per il Disagio Abitativo chiede un tavolo tecnico alla Regione Lazio

Lo Sportello per il Disagio Abitativo del Municipio VIII chiede d’esser accreditato al tavolo tecnico che, sembra, verrà presto attivato dall’Assessore Regionale alle politiche abitative Fabio Refrigeri

In un territorio, dove il problema dell’abitare è drammaticamente avvertito da sempre più ampi strati della popolazione, lo Sportello per il Disagio Abitativo, anche se di recente istituzione, lavora a ritmi incalzanti. Fortemente voluto dal Comitato spontaneo degli Inquilini ENPAIA di Via Primo Carnera, e soprattutto dalla sua storica animatrice, Giovanna Arcangeli, lo Sportello si è distinto già per una serie di meritevoli iniziative e per un’attività di consulenza, piuttosto variegata, rispetto alle differenti istanze che sono scaturite dal territorio.

In questi giorni, ci ha fatto sapere la signora Arcangeli, si è fatta pressante l’esigenza di relazionarsi, con le competenze acquisite in anni di lotte per il diritto all’abitare, anche con altri attori istituzionali. Per questo, lo Sportello ha inoltrato, “come da accordi telefonici intercorsi con la Sua Segreteria, formale richiesta di accreditamento dello Sportello per il Disagio Abitativo dell'VIII (già XI) Municipi -  all’Assessore alle Politiche Abitative del Lazio Fabio Refrigeri - in merito alla prossima convocazione di un tavolo tecnico, da Lei promosso”  leggiamo in un'email in cui siamo stati messi a conoscenza.

Da quanto la referente dello Sportello per il Disagio Abitativo ci fa sapere, il tavolo sarebbe “finalizzato allo studio del disagio abitativo nei suoi molteplici aspetti ed alla messa a punto di soluzioni istituzionali - nello specifico regionali - percorribili e volti ad un rapido avvio della soluzione di questo annoso e non più procrastinabile problema” . Una piaga sociale  "vissuta da larga parte della cittadinanza di Roma, anche nella sua caratterizzazione di veicolo del marcato disagio sociale”. Un disagio che, le recenti occupazioni ed i conseguenti sgomberi, hanno palesato in tutta la propria drammaticità.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento