rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Garbatella Garbatella / Via degli Argonauti

Ostiense: vanificati i tentativi di sistemare il “Cavalcavia degli Orrori”

Tante iniziative messe in campo, vanificate sia dagli atti vandalici che dall'assenza del necessario controllo. Intanto il Municipio lavora ad un progetto sperimentale di riqualificazione e manutenzione

Torniamo a parlare del soprapasso pedonale di Piazza Vallauri, che abbiamo provocatoriamente ribattezzato il “Cavalcavia degli orrori”.

LA LETTERA ALL'AMA - Dopo aver pubblicato la lettera con la quale la presidenza del Municipio XI  ha richiesto, con effetto immediato, una pulizia straordinaria dell’infrastruttura, vogliamo riportare anche le informazioni che il Presidente Andrea Catarci ci ha fornito, in merito alla mancata messa in sicurezza ed allo scarso decoro che caratterizzano questo ponticello.

I VANDALI E L'IMPIANTO ELETTRICO - “Negli ultimi anni il Municipio Roma XI è intervenuto in continuazione per ripristinare la vivibilità del sovrappasso pedonale di Piazza Vallauri. In particolare nel giugno 2008 si è realizzata una completa riqualificazione, che ha previsto il posizionamento di un nuovo impianto di illuminazione. Addirittura, in quell'occasione – rammenta Catarci - si riuscì ad arrecare danni  ancor prima della riapertura, forzando gli ingressi e devastando l'impianto elettrico e le pareti”.

COINVOLTE LE REALTA' ASSOCIATIVE - "Più spesso, ed in particolare negli ultimi anni, si sono fatte piccole sistemazioni e pulizie, in risposta ai ripetuti atti vandalici, ed ovviamente ogni lavoro è stato accompagnato dalla richiesta di aumentare la vigilanza ed i controlli alle autorità preposte, ma con scarsi risultati – riconosce il minisindaco, che aggiunge - Si è anche provato ad inserire il sovrappasso nell'ambito del bando del 2010 sull'affidamento di spazi pubblici ad uso culturale e sociale, destinato a realtà associative, ma malgrado la presentazione di un progetto ritenuto valido non si andò avanti e non si ottennero esiti positivi neanche in questo modo”.

Il cavalcavia pedonale della paura

LA SCONFITTA E LA REAZIONE - Che non siano andate a buon fine, le iniziative sinora intraprese, è un dato di fatto ineluttabile. Ma non rappresenta una ragione sufficiente per tirare i remi in barca, arrendendosi di fronte al degrado causato da qualche vandalo. “Purtroppo ogni azione è stata vanificata e ad oggi si registra un pessimo stato dei luoghi ed un degrado evidente. Il Municipio Roma XI  - ammette Catarci - la registra come una sconfitta, visto che non si è riusciti a vincere la battaglia contro il vandalismo ed a riconquistare alla decenza gli spazi. Ma non ci arrendiamo di certo”.

IL PROGETTO SPERIMENTALE - Dunque c’è spazio per qualche ulteriore iniziativa, per migliorare le condizioni di un soprapasso dove, tra cavi tagliati, lampioni divelti e scritte varie, il decoro costituisce soltanto un lontano ricordo? Parrebbe di sì.”Oltre all'avvenuta richiesta di una pulizia straordinaria del sovrappasso e delle aree limitrofe – ci confida il Presidente Catarci -  per il futuro il Municipio Roma XI sta lavorando alla promozione di un progetto sperimentale finalizzato a coniugare le due necessità: riqualificazione e manutenzione duratura. Al proposito si sta vagliando una proposta, avanzata dall'Associazione Libetta Village insieme ad altre realtà associative, e si auspica che pur nell'assoluta mancanza di fondi dedicati si possa dare il via alle attività, riqualificazione in primis, nei primi mesi del prossimo anno” . Una speranza condivisa dalle centinaia di residenti che, quotidianamente, percorrono quel cavalcavia pedonale.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ostiense: vanificati i tentativi di sistemare il “Cavalcavia degli Orrori”

RomaToday è in caricamento