Garbatella Garbatella / Via Padre Reginaldo Giuliani, 15

Socrate: finita l'occupazione del liceo, resta il problema delle aule

La domanda rischia di superare l'offerta anche per il 2018/19

Poche aule e molte iscrizioni. Il problema che ha portato gli studenti del Liceo Classico e Scientifico Socrate ad occupare l'istituto, rimane. Per l'anno scolastico in corso, inevitabilmente, si dovrà puntare ad ottimizzare gli spazi presenti. Per quello successivo, è invece necessario trovare una soluzione accettabile. Un obiettivo che è condiviso da studenti, genitori, docenti. Da una comunità intera che nella giornata di mercoledì 8, si è confrontata sul destino della scuola."Nel territorio sono presenti tre licei scientifici, ma il classico c'è soltanto al Socrate" fanno notare i genitori. La domanda, di conseguenza, supera di gran lunga l'offerta. E' un gioco a somma zero, una coperta corta. La necessità di reperire aule per il classico, rischia di sottrarre spazi alle altre scuole.

Alla ricerca di soluzioni condivise

"Siamo qui per cercare soluzioni comuni – chiarisce i termini dell'incontro la docente che apre l'assemblea –L'importante quindi è non fare come i capponi di Renzo che, destinati al macello, si cominciano a beccare tra loro". Le aspettative sono importanti. Ma occorre anche una dose di realismo perchè "pensare di costruire nuove scuole, rappresenta un sogno. E' un volo pindarico – spiega Maria Teresa Zotta, presidente della commissione Scuola di Roma Capitale – mancano i fondi anche per fare la manutenzione di quelle esistenti, per le quali occorrerebbero 500 milioni di euro".La sede a cui puntare è comunque quella della Città Metropolitana. Anche se, come ha chiarito Valeria Baglio, attuale Presidente della commissione Scuola dell'ex Provincia, "La Città metropolitana non può decidere in autonomia se ubicare le sezioni del Socrate in altre strutture". Per farlo, occorre confrontarsi. Ed ' quello che verrà fatto venerdì 10, data in cui è stato convocato un tavolo tecnico.

L'impegno dell'ex Provincia

"Saranno presenti tutti gli attori: abbiamo invitato il Dirigente scolastico, l'Ufficio scolastico regionale ed ovviamente il Comune.  Saranno gli uffici a dire qual è la situazione degli immobili scolastici in questo territorio". A loro il compito d'indicare quali possono essere presi in considerazione per  accogliere i nuovi iscritti del Socrate. Bisogna capirlo sin da ora perchè, molte scuole, stanno già organizzando gli open day per l'anno 2018/2019. "Dalla scuola media Tolomeo quest'estate usciranno 13 classi" avverte un genitore. E' preoccupato dalla potenziale domanda che arriva dal territorio, Il tempo stringe. 

Il bilancio dell'occupazione

La mobilitazione degli studenti del Socrate, appoggiata anche da alcuni docenti, ha quindi contribuito ad accendere i riflettori su una situazione  divenuta insostenibile. Lo è nel presente, per l'apertura delle nuove sezioni. Ma lo diventa anche in prospettiva, se non saranno trovate soluzioni adeguate. Nell'immediato l'occupazione  ha avuto anche il merito di ottenere alcuni risultati. "La preside ha sottoscritto l'impegno a rendere concrete tutte le nostre richieste" fa sapere Lorenzo, uno dei rappresentanti d'istituto del Socrate che da domenica 5 novembre ha cessato l'occupazione. Tra le altre cose, viene recuperata la piena funzione dell'aula magna, che da quest'anno era parzialmente usata come sala docenti. E soprattutto dello spazio esterno sul retro dell'istituto. Sarà ripulito da una ditta e gli studenti potranno così trascorrervi la ricreazione. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Socrate: finita l'occupazione del liceo, resta il problema delle aule

RomaToday è in caricamento