GarbatellaToday

San Paolo: le scritte e i cartelloni pubblicitari che degradano il quartiere

Botta e risposta tra Catarci e Foglio sull'incipiente degrado di San Paolo. Tra scritte e impianti pubblicitari, il decoro sta venendo meno

Un botta e risposta avvenuto sulla pagina facebook di Fata Garbatella, tra il Capogruppo Pdl al Municipio XI Simone Foglio ed Andrea Catarci, presidente dello stesso territorio, ha riaperto una questione mai sopita del tutto: il decoro nel quartiere di San Paolo.

IL DECORO E LE SCRITTE - Da una parte, il Consigliere dell’opposizione, pur ricordando che  “ è legittimo e ci mancherebbe altro che tutti possano manifestare le proprie idee – scriveva  all’indomani del corteo “Stop alla Fiera della Speculazione” - ma adesso per far rimuovere tutte le scritte sui muri, i manifesti alle fermate dell'autobus, gli striscioni e quant’altro,  possiamo chiedere tramite te un intervento del super presidente Catarci?”

IL DEGRADO ED I CARTELLONI PUBBLICITARI - La riposta del Minisindaco non si è fatta attendere “Caro Simone Foglio,ti assicuro che cancello di persona le scritte fatte ieri e pure qualcun altra se fai togliere al tuo Assessore Bordoni un po' delle migliaia di impianti pubblicitari che ha disseminato in tutta Roma ed anche nel nostro Municipio”. Questo è il prologo di una conversazione andata avanti, tra goliardici inviti a presentarsi “armati di secchi di vernici” per ripulire alcune scritte che, innegabilmente, sono comparse dopo il corteo. Dall’altra per ricordare, in maniera altrettanto incontrovertibile, l’aumentato numero di impianti pubblicitari “con cui il PDL ha sfregiato Roma per profitti privati”.

SEGNALAZIONI VERITIERE - Tutte e due le situazioni, le abbiamo verificate e, anche se in misura differente, corrispondono al vero.  “Ci sono alcune maxiaffissioni, davanti alla buca di via Galba, che non dovrebbero stare davanti un’area verde” ha osservato Catarci, raggiunto telefonicamente. “Inoltre percorrendo via di Villa Lucina, se ne trovano delle altre, come anche su via Giustiniano Imperatore, che sono realizzate su square centrali e non dovrebbero trovarsi lì. Stessa cosa in viale Leonardo da Vinci. In molti casi, poi – ci ha fatto notare il minisindaco – le plance sono state montate su marciapiedi rifatti di recente. Noi chiediamo spesso di rimuoverli, ma raramente ci riusciamo”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • Coronavirus, Lazio verso il coprifuoco e didattica a distanza parziale per le superiori. In arrivo un'ordinanza con i provvedimenti

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

  • Sciopero generale il 23 ottobre: a Roma metro e bus a rischio. Orari e fasce di garanzia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento