menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

San Paolo: dopo 12 anni la Città dell'Utopia rischia di chiudere

A settembre la Città dell'Utopia dovrebbe lasciare Casale Garibaldi, che sarà messo a bando. Le proteste sono già arrivate al Dipartimento Patrimonio: "Il nostro è un luogo aperto alla cittadinanza locale ed internazionale"

C'è una delibera della Giunta Capitolina, la numero 140, che sta gettando scompiglio nel territorio municipale. Nell'individuazione delle "linee guida per il riordino del patrimonio indisponibile in concessione" il Sindaco Marino ha infatti stabilito che, molti immobili di proprietà comunale, debbano esser messi a bando.

LA PROTESTA - Nel Municipio questo destino sta provocando una serie di reazioni, poichè sono molte le realtà che rischiano di subirne gli effetti. Tra queste, la Città dell'Utopia i cui attivisti si sono presentati in piazza Giovanni da Verrazzano  per ribadire al Dipartimento Patrimonio che "12 anni di attività,  non si cancellano".  E questo perchè, come  è stato spiegato anche attraverso una nota "La Città dell'Utopia è uno dei 860 immobili di proprietà comunale per i quali la delibera 140 impone un bando di gara per l'assegnazione".

L'ESPERIENZA ED IL TERRITORIO - Come si accennava, la vicenda riguarda anche altre realtà del Municipio VIII ma forse il Casale Garibaldi, restituito al territorio dopo un laborioso restauro, è tra quelli che suscita più clamore. "All'uscita del bando, annunciata a settembre – leggiamo nella nota diramata – l'immobile dovrebbe essere 'liberato'. Ma la formulazione del bando di gara, di fatto, cancella la storia di questo posto: un luogo progettato, immaginato e realizzato in questi lunghi anni dalle persone che lo hanno attraversato".

UN LUOGO APERTO - Come viene fatto notare, La Città dell'Utopia, un progetto da 12 anni del Servizio Civile Internazionale, è la "casa di molte associazioni" ed è soprattutto un "luogo aperto alla cittadinanza locale e non". Sembra dunque paradossale che a settembre, possa chiudere. Ad ogni modo le proteste sono appena iniziate e la sensazione è che, nel Municipio VIII, si assisterà ad un'estata particolarmente calda.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento