menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A Largo Veratti un nuovo orto urbano. E' il sesto in Municipio VIII

Firmata una convenzione tra il Municipio ed un comitato cittadino per la riqualificazione di un'area verde abbandonata. Diverrà un orto urbano. Catarci: " E' un'assegnazione provvisoria in attesa che il Regolamento comunale diventi operativo"

Crescono le esperienze orticole promosse nel Municipio VIII. Nella giornata di giovedì è stata infatti siglata una convenzione tra l'Ente di prossimità ed un gruppo di cittadini. L'accordo consentirà di recuperare un'area verde inutilizzata, anche se soltanto in modalità provvisoria. Per definire il futuro degli orti urbani in città, bisognerà infatti attendere il bando legato al nuovo regolamento.

UN'ASSEGNAZIONE PROVVISORIA - "Nonostante il Regolamento capitolino per gli Orti e Giardini Urbani sia in vigore  dalla scorsa estate – ha ricordato il Presidente Catarci – a tutt’oggi non si è dato seguito a quanto disposto per la sua attuazione con l’indizione di un avviso pubblico. Questo aspetto non ha scoraggiato il Municipio che ha portato avanti tutti gli atti necessari per non vanificare gli interventi che Comitato, AMA e cittadini hanno realizzato in questo periodo per bonificare l’area e renderla utilizzabile con gli orti. Si tratta, infatti, di una assegnazione provvisoria in attesa dell’operatività del Regolamento".

RECUPERO DEL TERRITORIO E ONERI DEL MUNICIPIO - L'area in questione si trova tra Largo Veratti e Lungotevere Dante, in zona Marconi. Gli "Orti di Teodorico", così si è deciso di chiamarli, rappresentano l'ennesima esperienza autorizzata direttamente dal Municipio VIII. In assenza del bando quindi, l'Ente di prossimità continua a concedere in comodato gratuito queste aree "per coniugare il recupero di pezzi di territorio lasciati in balia del degrado, con la partecipazione sociale dei cittadini e la tutela del territorio" ha chiarito Catarci. Da non sottovalutare infine che, le aree inferiori ai 5mila metri quadrati, verranno presto assegnate direttamente ai municipi. Lasciarne dunque la gestione ai comitati cittadini, rappresenta un onere in meno per gli enti di prossimità. Sia in termini di personale che di risorse umane.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento