rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
San Paolo San Paolo / Via Valeriano, 3

Festival della Zuppa Romana: dieci anni di iniziative a contatto col territorio

Le relazioni di prossimità nascono e si rafforzano anche grazie ad eventi come il Festival Internazionale della Zuppa. Un evento, giunto alla decima edizione, i cui risultati sono stati apprezzati anche oltralpe

Dieci anni, centinaia di zuppe, migliaia di partecipanti. I numeri del festival internazionale che si svolgerà domenica 9 aprile a Casale Garibaldi sono impressionanti. E forniscono una misura dell’importanza che, quest’evento, ha progressivamente assunto nel territorio.

LE ORIGINI - “L’idea è nata nel 2007, grazie all’allora coordinatore della Città dell’Utopia. Veniva da Lille, dove nel 2001 è stata realizzata una prima edizione del festival. Poi negli anni è cresciuta ed è diventata particolarmente aggregativa: si è visto cioè che contribuiva a ricostruire il tessuto sociale metropolitano. Per questo – spiega Silvio, l’attuale coordinatore della Città dell’Utopia – si è deciso di lanciarlo anche a Roma. E' stato un modo per recuperare le relazioni di buon vicinato tra gli abitanti del quartiere”. E non solo.

LA PARTECIPAZIONE - L’esperimento, che in Francia aveva già funzionato, anche in Italia ha riscosso buoni risultati. “Ogni edizione è stata diversa, ma la partecipazione delle persone non è mai venuta meno – ricorda Silvio – al Casale Garibaldi e nel parcheggio dove si svolge il festival, passano sempre diverse centinaia persone. Molte si fermano, s’incuriosiscono. Iniziano a frequentare i nostri corsi o ne propongono degli altri”. La socialità si ricostruisce anche così, davanti un bel piatto di zuppa. 

LE GIURIE - Al di là dell'aspetto relazione, c'è poi il contest vero e proprio. “Ci sono tre giurie – spiega il coordinatore del Servizio Civile – una è popolare. Le persone che vogliono partecipare acquistano per 50 centesimi un piatto in Mater Bì, perché noi puntiamo molto sulla riduzione di rifiuti, e con quello girano per i diversi banchetti e fanno i loro assaggi. Alla fine scelgono quella che per loro è la zuppa migliore, e ripongono il loro voto in un bussolotto. Poi c’è anhe una giuria “di qualità” ed infine quella composta dai bambini”. I più piccoli, hanno infatti la possibilità di giocare un ruolo da protagonista. “Nella mattinata partecipano realizzando  il premio che poi, nel pomeriggio – ricorda Silvio – dovranno assegnare a quello che decideranno sarà il loro vincitore”.  Un modo originale per incentivare la partecipazione anche delle famiglie giovani presenti nel territorio. 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festival della Zuppa Romana: dieci anni di iniziative a contatto col territorio

RomaToday è in caricamento