GarbatellaToday

Ardeatina: i cittadini premono per la riqualificazione dell’ex Dazio

I locali dell'ex Dazio, adibiti a bagni pubblici, continuano a creare sacche di degrado. Catarci (SEL): "Conosciamo la situazione, che abbiamo segnalato molteplici volte"

All’incrocio tra via Ardeatina, via di Tor Carbone e via di Vigna Murata, c’è un edificio,  non distante dalla strada, che da tempo è divenuto un evidente attrattore di degrado. I residenti della zona, collocata a cavallo tra i municipi XI e XII, in molte occasioni hanno segnalato alle autorità competenti, oltre che alle forze dell’ordine, la presenza di persone senza fissa dimora, che usano stazionare nell’area dove si trova l’ex Dazio. 

LO SFOGO DEL RESIDENTE - Nel pomeriggio, sul profilo Facebook del Presidente Catarci, un utente, probabilmente abitante in quel quadrante, è tornato sull’argomento per “ denunciare una situazione a lei ben nota, che però non trova soluzione”. Quello che in particolare il residente evidenzia è che “il posto è diventato impraticabile,  pieno di immondizia di ogni genere, materassi e quant'altro. Ora mi chiedo – incalza il residente – stiamo aspettando che succeda qualcosa prima di intervenire e far sgomberare tutto e tutti?

LA PROPRIETA’ DELLA STRUTTURA - La risposta di Catarci, affidata allo stesso social network, chiama in causa responsabilità a vari livelli. “Per restituire quel pezzo di territorio ad un uso proprio – scrive il minisindaco -  è necessario che venga riutilizzato l'ex Dazio. E' vero che sta nel territorio del Municipio Roma XI, ma il manufatto non è del Municipio ma dell'Assessorato comunale all'Ambiente. Ad esso abbiamo fatto presente innumerevoli volte la situazione che si crea intorno alla struttura e la necessità di intervenire al più presto”.

IL FUTURO DELLO STABILE - Il quadro, evidentemente, è noto. Lo è ai residenti, tanto quanto agli agenti di polizia municipale che quel tratto conoscono bene; ma la vicenda è conosciuta anche da Roma Capitale e dall’Ente di prossimità, il cui amministratore ricorda, sempre sul proprio profilo facebook, che “ Qualche mese fa ci è stato risposto che lì  - dove ora è presente un bagno pubblico inutilizzato - ci sarà a breve un punto operativo di un'associazione di protezione civile, cosa su cui informalmente ci hanno chiesto un parere, ottenendolo positivo. Stiamo sollecitando – conclude Catarci -  per abbreviare i tempi”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

  • A Roma la stretta anti Covid, Raggi chiede più controlli: nel week end task in campo tra movida e periferie

  • Coronavirus, a Roma 494 casi. Nel Lazio 994 nuovi contagi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento