menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Comune archivia la Lazio Nuoto. Con la gestione di Maximo riapre la piscina di Garbatella

Il Campidoglio ha annunciato la riapertura della piscina gestita per 34 anni dalla SS Lazio Nuoto. L'impianto, assegnato al nuovo concessionario, è tornato a disposizione dei cittadini

La nuova gestione della piscina comunale di Garbatella è ufficialmente cominciata. A darne notizia è stato il Campidoglio che, dell’impianto, è proprietario.

L'annuncio del Comune

“Vi comunico con grande piacere che da domani (dal 25 settembre ndr) l'impianto sportivo comunale di viale Giustiniano Imperatore 199 sarà nuovamente a disposizione degli appassionati di sport acquatici” ha annunciato Angelo Diario, il presidente della Commissione Sport di Roma Capitale. Tutti i corsi, ha inoltre precisato Diario “inizieranno giovedì 1 ottobre, alle stesse tariffe comunali di sempre”.

L'assegnazione della piscina

L’impianto, situato tra San Paolo e Garbatella, era rimasto chiuso per tre settimane, al fine consentire il passaggio di consegne da un concessionario all’altro. Operazione tutt’altro che semplice perchè, sulla gestione della piscina, si è sviluppato un lungo braccio di ferro. La SS Lazio Nuoto, la società più blasonata della polisportiva biancoceleste, per 34 anni ha gestito in maniera impeccabile la piscina di viale Giustiniano Imperatore. Scaduta la concessione, il Campidoglio ha provveduto a mettere a bando l’impianto. Con una gara che, per la sua architettura, è stata immediatamente contestata dal vecchio gestore.

La riconsegna dell'impianto

Ne è derivato un aspro contenzioso, sul piano legale, che è stato accompagnato a numerosi attestati di solidarietà espressi alla Lazio Nuoto. Anche dalla Federazione, preoccupata per il destino dei tanti atleti biancocelesti e soprattutto per la squadra di Pallanuoto che, fintanto è rimasto il dubbio sul luogo dove potersi allenare, ha rischiato di non essere iscritta al campionato di Serie A. Il 2 settembre, alla presenza di numerosi operatori delle forze dell'ordine, la società laziale, ha dovuto lasciare l'impianto. Ottenute le chiavi dal vecchio concessionario, che però ha minacciato di intentare nuove azioni legali, la struttura è stata infine consegnata al nuovo gestore.

Il lancio della nuova gestione

Archiviata la vicenda, di cui non si fa alcun cenno nel post del presidente della commissione Sport, il Campidoglio ha lanciato la nuova gestione della piscina. “Faccio i complimenti al nuovo concessionario, Maximostiense, per aver rispettato i tempi concordati con Roma Capitale e auguro buon lavoro al personale che era presente con la precedente gestione e che, come avevamo anticipato - ha sottolineato il presidente della commissione Angelo Diario è stato confermato”. La piscina ha dunque riaperto al pubblico ed è possibile, di conseguenza, effettuare le nuove iscrizioni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Daniele De Rossi ricoverato allo Spallanzani

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • De Magna e beve

    La vera storia della carbonara: origini e curiosità

  • De Magna e beve

    Carbonara: 7 errori comuni da non fare mai

  • Attualità

    La bufala del vaccino su chiamata a Roma

  • Cultura

    La Roma di Stefania Orlando

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento