Martedì, 16 Luglio 2024
Ostiense San Paolo / Lungotevere San Paolo

Lungotevere San Paolo, al posto della baraccopoli arriva il “Parco Tevere sud”

La rimozione delle baracche è propedeutica alla realizzazione del parco d'affaccio. Si unirà a Tiberis per creare una lunga sponda verde ed attrezzata

Lo sgombero della baraccopoli parzialmente nascosta dalla vegetazione, nella zona di lungotevere San Paolo, rappresenta il primo passo per la riqualificazione di un’ampia sponda tiberina.

Qual è la zona del parco Tevere Sud

L’area interessata dalle operazioni della polizia locale e dell’Ama è quella che si sviluppa dopo ponte Marconi e, da lì, prosegue in direzione del ponte di Ferro. Si tratta in sostanza della banchina che fronteggia il parco Tevere Marconi e che, fino ad oggi, è stata impiegata per realizzare delle tendopoli. La rimozione delle ingenti quantità di rifiuti lasciate sull’area, quindi, rappresenta il primo passo per la realizzazione di uno dei parchi d’affaccio giubilari: il Parco Tevere Sud.

A distanza di dieci anni dal primo parco tiberino, quello realizzato durante l’amministrazione Marino nella zona della Magliana, sono in arrivo altri 5 parchi d’affaccio tra cui il Parco Tevere Sud. Il progetto, il cui soggetto attuatore è la Soprintendenza di Roma, prevede la realizzazione di un “parco urbano naturalistico” che “serve a collegare, attraverso un percorso in mezzo alla natura”, siti d’interesse storico ed archeologico. 

Roma punta sui parchi d'affaccio sul Tevere: i progetti

L'intervento previsto per il parco Tevere Sud

Il cittadino quindi, passeggiando per il futuro parco, avrebbe la possibilità di attraversare le sponde, grazie al ponte ciclopedonale della Scienza, per raggiungere l’area del Teatro india o del prospiciente parco Marconi. Restando sulla sponda di Ostiense invece il futuro parco Tevere Sud, dialogherà con l’area del Gazometro e del vicino parco Schuster. Il progetto prevede una serie di ingressi, “con cancelli e percorsi carrabili e la disposizione sistematica di telecamere di controllo, connesse al corpo di polizia fluviale”.

I collegamenti con gli altri parchi fluviali

Nelle intenzioni dei progettisti c’è anche quella di “implementare gli spazi per didattica e osservazione ambientale”; di realizzare “chioschi con servizi igienici”, di prevedere “approdi differenziati per canoisti e gommoni, incentivando l’approdo del battello di connessione con Ostia Antica” dov’è in corso di realizzazione un altro parco fluviale. A proposito di collegamenti con altre aree verdi, la riqualificazione della sponda compresa tra ponte dell’Industria e ponte Marconi, dal 2025, beneficerà anche dei lavori previsti a Tiberis. La spiaggia sul Tevere infatti, terminata l’estate, verrà attrezzata per essere fruita tutto l’anno. In tal modo consentirà verrà realizzato un lungo parco lineare sul fiume, tra Marconi ed Ostiense. 

I tempi previsti

Per quanto riguarda il parco Tevere Sud, il cronoprogramma che era stato ipotizzato, quello previsto dal DPCM dedicato alle opere giubilari, prevedeva l’avvio dei lavori per l’inizio del 2024 ed il collaudo definitivo per il primo trimestre del 2025. Lo sgombero e la bonifica solo di recenti avviati dimostrano un certo ritardo rispetto all’originale deadline. Resta un intervento essenziale ed indifferibile e, di conseguenza, dovrà essere completato entro l’anno giubilare.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lungotevere San Paolo, al posto della baraccopoli arriva il “Parco Tevere sud”
RomaToday è in caricamento