GarbatellaToday

Ostiense, monta la protesta per la chiusura della ludoteca: “In fumo una bella storia di riqualificazione urbana”

Sabato 28 gennaio sit-in dei genitori preoccupati per la chiusura di "Ludomagicadue" la ludoteca di via Matteucci: "Sarà abbandonata all'inevitabile degrado". Chiusa anche la ludoteca di via dei Lincei

Le altalene rimosse dall'area giochi di via Matteucci ad Ostiense

Non ci stanno i genitori di Ostiense alla chiusura del Ludomagicadue, la ludoteca del giardino Antonio Pisino. L’area verde, rimasta a lungo interdetta per le ripetute derattizzazioni, rischia ora di perdere un luogo importante per il territorio. 

LA PROTESTA DEI GENITORI - “In qualità di genitori abbiamo più volte chiesto che il Municipio VIII si attivasse per produrre la certificazione necessaria a riaprire la ludoteca, ma non abbiamo ricevuto risposta” si legge in una nota firmata  dai “Genitori di Ostiense”.  Si avvia alla conclusione un’esperienza significativa per il quadrante. “Inaugurata nel 2010, la struttura si trova all’interno di un piccolo spazio verde ricavato da un’area dismessa delle ferrovie – ricordano i genitori -  è Una storia di riqualificazione urbana che rischia ora di andare in fumo”.

L'INVESTIMENTO DEI RESIDENTI - Come ricorda Fulvio de Pascale dell’Associazione  Insieme per Ostiense “Nel 2015, con il benestare del dipartimento ambiente e del municipio, abbiamo  utilizzato tutti i proventi del contributo dato dai cittadini con la denuncia dei redditi per acquistare uno scivolo con scaletta per i più piccini e per sostituire il seggiolino  a 'gabbietta' che era andato distrutto. I giochi  sono stati acquistati una delle migliori aziende, che mi risulta sia anche una di quelle di riferimento per il Comune di Roma. Quindi mi resta un po' difficile da comprendere perché il Comune abbia deciso prima di Natale di levare tutte e quattro le altalene visto che erano originali e omologate” spiega il cittadino ad ulteriore dimostrazione dell’investimento che i residenti avevano destinato a quella piccola area giochi.

L'ALTRA  LUDOTECA CHIUSA - “Ma quella di via Matteucci non è l’unica ludoteca del territorio che chiude – osserva la Capogruppo democratica Anna Rita Marocchi – in via dei Lincei ve n’era un’altra che da dicembre scorso hanno smesso di funzionare”. Sulla questione la consigliera municipale ha presentato anche un’interrogazione “per sapere se per inagibilità, in via dei Lincei, saranno chiusi anche tutti gli altri servizi lì presenti come il Consultorio, gli uffici municipali e lo spazio Be.bi. Quest’ultimo – sottolinea Marocchi – è gestito la mattina da soggetti privati”.

LA RICHIESTA E LA PROTESTA - A fronte della perdita dei due spazi pubblici dedicati all’infanzia, la capogruppo democratica ha deciso di muoversi per vie istituzionali, protocollando una proposta di risoluzione. “Chiediamo che il presidente si attivi affinchè alcuni spazi concessi al Municipio all’interno degli ex Mercati Generali possano essere utilizzati per attivare ‘il centro per bambini e genitori: ludoteca e servizi di sostegno psicologico ai genitori’ che fino a dicembre era in funzione in via Matteucci. Inoltre chiediamo che si attivi affinchè  anche i locali di via dei Lincei siano resi disponibili per le attività pomeridiane  relative alla riattivazione dello stesso servizio.” Nel frattempo i genitori di Ostiense si sono dati appuntamento alle ore 11 di sabato 28 gennaio in via Matteucci. Per protestare contro la chiusura della ludoteca Ludomagicadue.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Camorra, "a Roma comanda tutto lui": il cartello della droga di Michele Senese. Ecco come aveva diviso la Capitale

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

  • Choc nel parcheggio del supermercato: cliente non lascia il carrello al mendicante e finisce ferito in una pozza di sangue

  • Coronavirus, a Roma 1306 nuovi casi. D'Amato condanna: "Assurde le scene viste nei centri commerciali"

Torna su
RomaToday è in caricamento