GarbatellaToday

Ex Mercati Generali, ennesimo sgombero.Tre anni fa l'annuncio: "Ridiamo vita ad un pezzo di città"

L'ennesimo sgombero messo in campo dalle forze dell'Ordine riporta l'attenzione sullo spazio. La Sindaca, nel 2017, aveva lasciato intendere la ripresa dei lavori. Da allora l'area è stata più volte occupata

Le immagini dell'operazione di Polizia del 20 luglio 2020

Doveva essere uno spazio in grado di rilanciare un intero quadrante. Invece, dopo le sue dismissioni, gli ex mercati Generali sono diventati un problema. Al punto che, nel corso degli ultimi anni, gli unici interventi che lo hanno visto protagonista, sono quelli messi in campo dalle Forze dell’Ordine.

L'insicurezza segnalata dal Municipio

L’ennesima bonifica, questa volta disposta dal Questore di Roma, può rappresentare l’occasione per riaccendere i riflettori sugli ottomila metri quadrati di cui si attende la riqualificazione. Il Municipio VIII, all’inizio di luglio, aveva provato a riportare l’attenzione sull’area. “Negli ultimi anni la situazione è peggiorata facendo esplodere insicurezza, instabilità e malcontento tra la cittadinanza” si legge in un atto approvato all’unanimità dal consiglio del Municipio VIII.  Nel documento, l’ente di prossimità, sottolineava il problema avvertito dai residenti che “vedono sempre più allontanarsi la realizzazione del progetto di riqualificazione interna e la valorizzazione del quartiere degli ex Mercati Generali”. 

Video: la bonifica del 29 luglio 2020

Le continue trasformazioni

Nel corso di quasi due decadi, il proposito di rilanciare l’area  compresa  tra via Negri, via Benzoni e via Ostiense, ha conosciuto numerosi ripensamenti. Archiviato il proposito di farne la “Città dei giovani” che l’archistar Rem Koolhaas aveva previsto, nel 2005, l’amministrazione si è posta il problema di attualizzare il progetto di trasformazione urbanistica. Con la delibera di giunta 68/2012, l'amministrazione Alemanno aveva approvato il taglio del teatro da 2400 posti che lì era previsto. Progressivamente le cubature destinate alle attività socio culturali si sono ridotte e le varie modifiche non hanno contribuito alla ripresa dei cantieri.

Una riqualificazione divisiva

Visioni contrastanti, sia a livello capitolino che municipale, hanno provocato dure contrapposizioni. Anche all’interno della maggioranza pentastellata. Nel 2017 la giunta Raggi ha comunicato l’ennesima variante, arrivata dopo quelle che erano state approvate dalle amministrazioni precedenti. La nuova versione, che ha introdotto una galleria pubblica all’interno dell’area, è stata annunciata con enfasi dal Campidoglio. 

Le aspettative tradite

"Quindici anni dopo – aveva dichiarato  in quell’occasione la sindaca Raggi – ridiamo vita ad un pezzo di città". Da allora però, nell’area, non si sono visti operai in azione. Il cantiere è rimasto fermo e nell’inerzia generale, a più riprese, lo spazio è stato utilizzato da persone senza fissa dimora. Il resto è cronaca
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Apre Maximo Shopping Center, un nuovo centro commerciale a Roma: 160 negozi sulla Laurentina. Grande attesa per Primark

  • Camorra, "a Roma comanda tutto lui": il cartello della droga di Michele Senese. Ecco come aveva diviso la Capitale

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

  • La pasticceria di Roma premiata con "Tre Torte" dal Gambero Rosso: è tra le migliori d'Italia

Torna su
RomaToday è in caricamento