Sabato, 24 Luglio 2021
Ostiense Garbatella / Via Ostiense

Ex Mercati Generali, il cantiere è fermo: “Così ci rimette l’intera città”

Il Partito Democratico denuncia “l’inattivismo del Campidoglio” e promette un consiglio straordinario dell’Assemblea capitolina. Conia (PD): “Vogliamo ripartano i lavori prima che finisca la consiliatura”

Ex Mercati Generali. Foto di L.Manciati

Si è formato uno stagno all’interno degli ex Mercati Generali. Basta osservare lo specchio d’acqua per rendersi conto che, tutte le promesse sulla rigenerazione dello spazio, sono state disattese.

La trasformazione degli ex Mercati Generali

“Le precedenti amministrazioni di centrosinistra erano arrivate ad una convenzione che prevedeva posti di lavoro, crescita economica, sostenibilità ambientale – ha ricordato la consigliere capitolina Valeria Baglio – ma con questa amministrazione tutto si è tristemente fermato, la confusione, l'indecisione, l'immobilismo sono stati il tratto caratteristico di questi anni”.

Far ripartire i lavori

La riapertura dei cantieri, nel complesso urbanistico, ha oggi la consistenza d'un miraggio. “Vogliamo far sì che i lavori inizino prima della fine di questa consigliatura - ha dichiarato Flavio Conia,  consigliere democratico del Municipio VIII, a margine di un incontro che si è svolto, il 26 febbraio, al Caffè letterario – il lavoro fatto dall’amministrazione Marino e ripreso da questa deve continuare e non può fermarsi davanti a problematiche burocratiche, le stesse che negli anni hanno ucciso la speranza dei cittadini nel veder rinascere questo polo. Questa ferita va sanata”.

La vicenda

Nel 2017 l’amministrazione Raggi aveva annunciato una modifica al progetto che, un lontano passato, aveva coinvolto anche Rem Koolhaas. L’archistar ha da tempo ritirato la propria firma e l’area, con il trascorrere degli anni, ha subito delle radicali trasformazioni. L’ultima versione prevede il passaggio, all’ointerno degli otto ettari su cui si estende l’area, di una galleria, sempre aperta al pubblico. Per il resto gli ex Mercati restano destinati ad una preminente funzione commerciale (per il 45% della superficie) con spazi destinati al terziario (12%) e qualche locale a disposizione del pubblico. Tra questi ultimi compare una biblioteca ed un centro anziani, l’unico spazio realmente riqualificato e fruibile.

Acquisizioni da difendere

“Dobbiamo mettere in salvo le proposte a difesa del territorio, dalla biblioteca alle nuove piantumazioni per il quartiere, dal ponte pedonale a via Negri, compresa l’apertura del complesso di giorno e di notte – ha commentato il consigliere municipale Flavio Conia – per questo abbiamo delineato quella che sarà la linea d’azione del PD municipale e capitolino. A fronte dell’inattivismo del Campidoglio – ha spiegato il consigliere Conia - chiederemo un consiglio straordinario in aula Giulio Cesare”. In quell’occasione sarà presentata una mozione speculare a quella che, il gruppo locale, ha già votato in Consiglio Municipale. Prevede la salvaguardia degli obiettivi e la ripresa dei cantieri. Perché, com’è stato ribadito anche in occasione dell’incontro al Caffè Letterario, dalla ripartenza dei lavori negli ex Mercati Generali, dipendono il rilancio di Ostiense e dell’intero quadrante sud della Capitale.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex Mercati Generali, il cantiere è fermo: “Così ci rimette l’intera città”

RomaToday è in caricamento