Martedì, 16 Luglio 2024
Ostiense San Paolo / Parco Schuster

Ciclabile Ostiense: il Pd annuncia modifiche al progetto. E parte la protesta

In programma una mobilitazione. Ma il Campidoglio chiarisce: "Nessuna sospensione del cantiere"

Il progetto della ciclabile Ostiense verrà modificato ma non sospeso. A chiarire le polemiche nate in queste ore intorno alla "bike lane" è il gruppo Pd in Consiglio comunale. Con una lunga nota stampa i dem hanno risposto all'allarme lanciato dal M5s a seguito di alcune dichiarazioni dell'assessore alla mobilità Eugenio Patanè durante un consiglio straordinario in municipio VIII.

Modifiche al progetto

"Le preoccupazioni dei Cinque Stelle sono infondate - si legge in nota - bisogna però fare chiarezza. Sono sotto gli occhi di tutti i disagi e le imprecisioni realizzative che la precedente amministrazione ha prodotto forse per eccessiva fretta". Così com'è il progetto non va bene. "Va ripensato, insieme ai ciclisti, alle associazioni, ai residenti e ai territori, perché mobilità e ciclovie siano davvero sostenibili e a servizio di tutti, e soprattutto realizzate con i più elevati standard di sicurezza" concludono i consiglieri dem. 

La bike line Ostiense

Aggiudicati un anno fa per circa 440.000 euro, i lavori per la ciclabile Ostiense sono partiti a fine aprile scorso per realizzare poco più di 2 km di "bike lane", ciclabile ricavata dalla carreggiata senza cordolo di separazione, che collegherà la fermata Piramide a San Paolo lungo la via Ostiense, incrociando sedi universitarie, la Centrale Monte Martini, e le attività commerciali che sorgono sulla via. Un progetto fortemente voluto dall'ex giunta Raggi, appoggiato dalle associazioni di ciclisti e ambientaliste, e osteggiato da qualche commerciante e residente per il taglio dei posti auto. 

La protesta 

"Durante il Consiglio straordinario del municipio VIII sulla Ztl, l'assessore Patanè ha confermato di voler sospendere il cantiere della ciclabile Ostiense per apportare delle modifiche al progetto. Ufficialmente, lo stop è stato giustificato con la contemporanea apertura dei lavori al ponte di Ferro. Noi del M5S siamo fortemente contrari" hanno dichiarato la capogruppo in Campidoglio Linda Meleo e il consigliere municipale Matteo Bruno. "Saremo con l'associazione Salvaiciclisti e con i cittadini il 27 giugno, ore 18.30 alla metro Piramide, per manifestare contro questo sistematico smantellamento della mobilità sostenibile romana".

Nessuno smantellamento, assicurano dal Campidoglio. Secondo quanto ricostruito da RomaToday, il cantiere al momento sta proseguendo nella parte di progetto che non verrà toccata. In seguito lo stesso cantiere dovrà essere da una parte armonizzato con quello per il consolidamento del ponte di Ferro, dall'altra subirà delle temporanee sospensioni legate alle modifiche che verranno apportate al progetto. 


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ciclabile Ostiense: il Pd annuncia modifiche al progetto. E parte la protesta
RomaToday è in caricamento