Garbatella Garbatella / Circonvallazione Ostiense

Garbatella: inaugurato il Cavalcaferrovia

L'opera, con annessa pista ciclabile, consentirà di collegare Garbatella all'Ostiense. Ma per Catarci "bisogna riprendere il progetto che prevedeva un ulteriore collegamento fino a Marconi"

Due buone notizie. La prima è che finalmente il Cavalcaferrovia sarà utilizzabile e consentirà di rompere l’isolamento, o per meglio dire di aggirare il perenne imbottigliamento che si creava tra Garbatella ed Ostiense. Il secondo aspetto, di un certo interesse, è costituito dal fatto che la pista ciclabile, infine, è stata realizzata.

La pista ciclabile. Alla cerimonia di inaugurazione, svoltasi sul lato di Circonvallazione Ostiense, erano presenti numerosi esponenti della Giunta Alemanno. Oltre al Sindaco, è intervenuto anche l’Assessore Ghera che ha voluto ricordare di essersi “battuto per far metter una pista ciclabile su questo ponte, poiché non era prevista”. E’ intervenuto alla cerimonia anche il Presidente capitolino della Commissione Ambiente, Andrea De Priamo che, a sua volta, ha ribadito come “la ciclabilità  non era prevista, ma ci siamo impegnati e per la prima volta c’è una grande opera con una corsia monodirezionale ciclabile in entrambe le direzione. Un segnale importante, che per noi rappresenta soltanto l’inizio, poiché  con l’approvazione del piano quadro, intendiamo far diventare Roma una città veramente ciclabile”.

Conclusa un'altra opera ad Ostiense. Dopo le dichiarazioni dei due esponenti di Roma Capitale, è intervenuto anche il Presidente del Municipio XI Andrea Catarci che ha inteso sottolineare l’importanza dell’appuntamento ordierno “perché, dopo la conclusione dell’Air Terminal, un’altra grande opera dell’Ostiense è stata portata a compimento e speriamo che presto avvenga anche per le altre, come gli Ex Mercati Generali. Ma è indubbiamente un segnale per i nostri quartieri, che vedono concludersi un altro cantiere aperto da tanto tempo”.

I problemi della mobilità e la ciclabilità nel quadrante. Dal punto di vista della mobilità Catarci ha evidenziato  come “l’opera, che ha permesso di collegare Garbatella ad Ostiense, vogliamo vederla come un primo passo  per riprendere una vecchia progettazione che, sin dagli anni sessanta, parlava di un collegamento fino al quartiere Marconi. E dunque, pur trattandosi di un lavoro importante, non sarà tuttavia risolutiva, sul piano della mobilità, un tema complicato che non si può arginare soltanto con un ponte di 600 metri”. Infine, sulla ciclabilità, il minisindaco ha aggiunto: “vogliamo ricordare a Roma Capitale che abbiamo anche i fondi per realizzare una pista ciclabile sulla strada qua davanti, su Circonvallazione Ostiense, grande arteria di scorrimento che potremmo collegare con Viale Cristoforo Colombo, incentivando ulteriormente l’uso della bicicletta affinché la Roma del futuro possa avere un po’ meno macchine, ricorrendo un po’ di  più ad altri mezzi di locomozione”.

Un'opera strategica per la mobilità ed il decoro. Il Sindaco Capitolino Gianni Alemanno, ha invece voluto sottolineare come la conclusione del Cavalcaferrovia, assolva un’importante funzione sia in termini di viabilità che per la riqualificazione urbana dell’intero quadrante. “Questa è un’opera comunque strategica, tra le più grandi  realizzate in questo periodo per aiutare la mobilità romana, offrendo la possibilità di combattere i mali del traffico. Ed avviene in una delle realtà più promettenti della nostra città. Ci sono una serie di proposte e di progetti che trasformeranno quest’area, per tanto tempo abbandonata, in un grande quadrante di sviluppo, per la presenza di centri direzionali, ma anche da un punto di vista della Cultura, per offrire intrattenimento ai romani. Uno dei cuori pulsanti della città, che aveva bisogno di questo Cavalcaferrovia, necessario per  unire due quartieri, al fine di evitare che ognuno rimanga chiuso, incapsulato nella propria zona. In questo modo  tutti quanti possiamo sentirci parte di una grande città che riesce finalmente a vivere, a muoversi, a risolvere ed affrontare questi problemi del traffico. Molto c’è da fare, è evidente. Dobbiamo impegnarci di più – ha riconosciuto il Sindaco - lavorare sulle metropolitane, su nuovi collegamenti su gomma. Dobbiamo fare molte cose  in un momento di crisi, ma andremo avanti. Roma andrà avanti perché è una grande città che noi amiamo e che oggi ha un’opera in più”.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Garbatella: inaugurato il Cavalcaferrovia

RomaToday è in caricamento