menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Grottaperfetta, AssoTutela: “Il cantiere dell’I-60 va bloccato subito”

Anche AssoTutela interviene sulla delicata questione dell'I-60. Se infatti non sarà subito bloccato il cantiere, l'associazione si riserva d'intraprendere un'azione legale per "omissione di atti d'ufficio"

La vicenda legata all’edificazione dell’I60, si arricchisce del contributo di un’altra realtà associativa, AssoTutela. L’ennesima dimostrazione che l’urbanizzazione degli ex Granai di Nerva, si via di Grottaperfetta, è molto più di una mera questione locale.

IL COMUNE NON RISPONDE - “Non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire – premette Michel Emi Maritato, Presidente di Assotutela – Il sindaco Marino, troppo impegnato a salvaguardare i Fori, si dimentica di altrettanto rilevanti tesori archeologici che stanno per essere colpevolmente deturpati dai soliti ‘palazzinari’ senza scrupoli, sotto lo sguardo inerte della sovrintendenza comunale”.

LE PRESUNTE IRREGOLARITA' - “Lo abbiamo ripetuto più volte – ribadisce il presidente – sull’area temiamo siano state commesse numerose irregolarità, prima fra tutte l’abbattimento di un casale settecentesco tutelato dalla Carta dell’Agro, poi la sparizione di un manufatto di epoca romana che forse, celava chissà quali reperti archeologici di cui non si è potuta avere traccia. Denuncio inoltre – commenta ancora Maritato – l’assoluta opacità della sovrintendenza che, pur avendo realizzato, a spese del consorzio di costruttori proprietari dell’area, numerosi volumi con la relazione scientifica relativa ai pregevoli ritrovamenti, tiene occultata tale documentazione senza mostrare alla cittadinanza tutto ciò che è stato rinvenuto”.

OMISSIONE D'ATTI D'UFFICIO - Nel frattempo cresce il timore che, al posto del verde, approdino 400mila metri cubi di cemento, con 5mila nuovi residenti e 30mila auto in più al giorno. “Rimanendo immutato il quadro, nonostante i vari appelli dei cittadini a sindaco, assessore, municipio VIII, se non sarà bloccato immediatamente il cantiere ci riserviamo un’azione legale contro la sovrintendenza - che non appone il vincolo indiretto ai sensi dell’articolo 46 del decreto 42 del 2004 – per omissione di atti d’ufficio”.    

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento