Martedì, 27 Luglio 2021
Garbatella Garbatella / Piazza Damiano Sauli

“Mattè Mattè la Garbatella aspetta te”: i bambini si prendono piazza Sauli

Piazza Sauli piena di bambini, volontari della scuola Piero Bruno ed attivisti del CSOA La Strada, per "accogliere" l'arrivo di Salvini. Il leader della Lega però, sconsigliato dalla Questura, non si è fatto vedere

Foto di Giulia Dag

C’erano gli studenti ed i volontari della scuola popolare Piero Bruno. C’era l’Associazione Asinitas Onlus, insieme a tanti bambini.  E poi decine di residenti. Tutti accorsi in piazza Damiano Sauli, per l’evento #MattèMattèlaGarbatellaAspettaTe. L' "hastsag", nato a seguito del video girato in collaborazione con Claudio Amendola, è già un tormentone. E dalla realtà virtuale, è stato rapidamente trasposto in una piazza reale.

GLI SLOGAN - Nel pomeriggio, alla Garbatella, sono arrivati in tanti. Sui banchi di plastica, sistemati in piazza Sauli, decine di bambini si sono  messi a colorare, scrivere e disegnare. Molti di loro  frequentano la scuola popolare legata al Centro Sociale La Strada. C'erano inoltre i coriandoli, gli striscioni e gli immancabili cartelloni, alcuni dei quali con frasi ironiche come quella dov'era scritto “ Mattè, le pagliacciate se fanno a febbraio”. In altri, il tono era decisamente più serio, come in quello su cui appariva lo slogan  “Solidarietà e mutualismo contro ignoranza e razzismo”.

I MOTIVI DELL'INIZIATIVA - Le ragioni della manifestazione odierna, sono state spiegate via facebook, dove un "Comitato d'accoglienza" ha firmato il post che lanciava l'evento. “Da circa un mese Matteo Salvini attacca il Municipio RM VIII. Prima si è rivolto contro la Garbatella abitata da 'comunisti e coglioni',  poi si scaglia contro i Centri Sociali minacciando di adottare 'metodi educativi e democratici' per fini non meglio specificati – scrivono gli organizzatori dell’evento su facebook – Nonostante tutto ciò continua a dire che vuole visitare la Garbatella”.

LA POLITICA DEL CONFRONTO - Salvini alla fine, sconsigliato dalla Questura, alla Garbatella non si è fatto più vedere. Ma l'evento programmato già da qualche giorno, si è svolto regolarmente. “Comitato d’accoglienza” , ricorrendo ad un post che anticipava l’appuntamento odierno in piazza Sauli, spiegava che “Vogliamo essere in tanti  per mostrare a Salvini qual è la politica che regge il confronto dell'inclusione sociale, della partecipazione e del fare politica aggregando nella diversità - aveva spiegato il Comitato Organizzatore - Certo capiamo che per chi cerca voti, in questo momento, è più facile lanciare proclami contro gli immigrati e andare a braccetto con fascisti e razzisti di Casapound, piuttosto che dire chiaramente quando, come e soprattutto perché verrà a trovarci”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Mattè Mattè la Garbatella aspetta te”: i bambini si prendono piazza Sauli

RomaToday è in caricamento