menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Garbatella, assegnato il 75% dei locali a bando. Ater: “Replichiamo in altri quartieri”

Ventitrè offerte su trenta locali non residenziali messi all'asta. Napoletano (D.G. Ater): "E' stato un successo". Nel quartiere arrivano laboratori artigianali, associazioni culturali ed una libreria

Sono ventitré i locali non residenziali che presto risolleveranno le saracinesche. Per il centenario della Garbatella, Ater e Regione Lazio avevano deciso d’investire su un pacchetto di interventi.

Gli interventi per il centenario

Oltre ai fondi stanziati per il restauro di alcuni edifici, la piantumazione di nuove essenze arboree e la manutenzione di quelle esistenti, l’azienda di edilizia residenziale pubblica aveva annunciato anche un’altra misura per la Garbatella. Per rilanciare il quartiere, ormai centenario, nella data del suo compleanno sono stati messi a bando 30 locali extraresidenziali

I locali assegnati

A distanza di quasi tre mesi da quell’iniziativa, è possibile tracciare un bilancio. Anche perché è disponibile l’elenco degli spazi per i quali, l’Ater, ha ricevuto un’offerta economica. L’esito dell’iniziativa, messa in atto per restituire nuova linfa al tessuto socio-economico del quartiere, è stata commentata positivamente dal Direttore Generale di Ater. “E’ stato un pieno successo. Lo è nei numeri, con il 75 per cento dei locali assegnati – ha dichiarato il D.G. Andrea Napoletano – e lo è per l’obiettivo di sostenere nuove opportunità di crescita anche qualitativa del tessuto socio-economico del quartiere”.

Nuova linfa al quartiere

Locali inutilizzati da anni, finiranno per ospitare laboratori artigianali, associazioni culturali e sportive, attività ristorative. Ne andranno a beneficiare intere generazioni. Nell’elenco delle nuove assegnazioni risulta anche una libreria destinata alla vendita anche di articoli scolastici e l’apertura, in via Fincati, di uno studio psicologico per bambini con disturbi dell’apprendimento. Non mancheranno le botteghe artigiane, gli orafi ed anche una sartoria.

Un esperimento da replicare

“La tipologia di attività che prenderanno avvio – ha osservato Andrea Napoletano – arricchirà la qualità della vita del quartiere e darà impulso alla piccola imprenditoria, soprattutto giovanile. Un esperimento di successo che, insieme alla Regione Lazio – ha promesso il numero uno dell’Ater di Roma –  abbiamo intenzione di replicare e supportare anche in altri quartieri”. 

Il guadagno di Ater

L’operazione ringiovanente, nei numeri, sembra aver funzionato. Garbatella uscirà dall'emergenza Coronavirus con qualche freccia in più nella propria faretra. E ne beneficerà anche l’azienda territoriale di edilizia residenziale. I vincitori dell’asta infatti dovranno versare ogni mese un canone di locazione. Al posto di locali chiusi ed improduttivi, l’Ater di Roma avrà a disposizione 15mila euro al mese. All’anno fanno 180mila euro. Un piccolo tesoretto.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Daniele De Rossi ricoverato allo Spallanzani

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • De Magna e beve

    La vera storia della carbonara: origini e curiosità

  • De Magna e beve

    Carbonara: 7 errori comuni da non fare mai

  • Attualità

    La bufala del vaccino su chiamata a Roma

  • Cultura

    La Roma di Stefania Orlando

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento