menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La protesta per la prolungata chiusura del mercato di via Passino

La protesta per la prolungata chiusura del mercato di via Passino

Garbatella, un compleanno amaro: “E’ un anno che resta chiuso il Farmer’s Market”

Flash mob di protesta davanti al mercato di via Passino e sotto l'assessorato capitolino al patrimonio. CSA La Strada: "Con una torta di cartone festeggiamo un anno di abbandono del Comune"

Un anno con le porte chiuse. Il mercato coperto di via Passino, alla Garbatella, ha recentemente festeggiato un anno di inattività. E per rendere omaggio alla ricorrenza, un gruppo di attivisti ha ironicamente preparato una torta di cartone.

Una ricorrenza con l'amaro in bocca

“Si è abituati ad interpretare i compleanni come momenti di festa. Nonostante ciò, alcune ricorrenze lasciano l’amaro in bocca” si legge in uno dei volantini distribuiti nel quartiere nella mattinata del 30 novembre. Li hanno preparati gli attivisti del centro sociale la Strada che, con striscione, megafono e torta gigante, sono partiti dall’ex Farmer’s market per raggiungere la sede dell’assessorato capitolino al Patrimonio.

Una risorsa per il territorio

“In un contesto come quello pandemico e di crisi che stiamo vivendo” è stato fatto notare nel volantino “quei locali avrebbero potuto essere una risorsa importante per tutto il territorio, rimettendo in campo il mercato o riadattandoli temporaneamente per usi diversi”. Non necessariamente quindi per ospitare un altro mercato a KmZero. Anche perchè, al momento, gli operatori che lavoravano in via Passino, si sono trasferiti nell’ex deposito atac di via Alessandro Severo, nel vicino quartiere di San Paolo.

I possibili utilizzi 

Gli spazi da un anno inutilizzati del mercato di via Passino, è stato sottolineato, rappresentano un ambiente in cui era possibile “svolgere attività culturali in totale sicurezza. Uno snodo ampio e attrezzato per la solidarietà, tramite raccolta e ridistribuzione di beni di prima necessità alle famiglie in difficoltà”. Al tempo stesso quei locali potevano diventare, si legge nel volantino, “ Una casa per tutti quei commercianti con piccoli spazi, che oggi si trovano costretti a chiudere perché non in grado di garantire il distanziamento fisico”.

Un'occasione persa

Niente di tutto questo è stato fatto. Il Farmer's market è stato chiuso il 23 novembre del 2019. A nulla sono valse le proteste dei 26 operatori né, soprattutto, la richiesta di 5mila clienti, non solo residenti quindi, che chiedevano di lasciare nello spazio di via Passino un mercato a KmZero. Scaduta la concessione, il Comune ha deciso di realizzare un avviso pubblico. 

L'avviso pubblico ritirato

Il bando è stato pubblicato a novembre. Prevedeva una concessione quinquennale senza possibilità di rinnovo e fissava la tariffa di gestione nella somma di 156mila euro l’anno. Il tempo per presentare le offerte era di 45 giorni. Ma l'avviso pubblico è stato ritirato prima, si legge nelle relativa determina, perchè era “opportuno e necessario rivedere le procedure di affidamento dei lavori di manutenzione del mercato, anche alla luce delle norme del codice degli appalti”. Da allora si sono perse le notizie e la Garbatella, ha dovuto festeggiare il centenario, con un mercato che è rimasto a porte chiuse. “Quelle quattro mura avrebbero potuto essere un Bene Comune per tutto il quartiere e non solo”fanno oggi notare quanti, con la torta di cartone, hanno festeggiato un compleanno dal sapore amaro. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    "Fa er provola", perché si dice così?

  • De Magna e beve

    12 "vizi" artigianali: nuovo regno del tiramisù apre a Roma

  • De Magna e beve

    Dove mangiare i 5 supplì più buoni di Roma, rigorosamente "al telefono"

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento