menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Casetta Rossa, un quadro per i diritti: “La vendita finanzierà iniziative solidali”

Un quadro dell’esule curda Zehra Doğan servirà a sostenere le attività di solidarietà di Casetta Rossa ed avviare il progetto partecipato del Parco Inclusivo

In libertà ed in prigionia ha combattuto per i diritti negati. Con la sua arte e la sua penna, si è dedicata alla causa del popolo curdo. Ed ora, Zehra  Do?an, ha deciso di mettersi a disposizione anche della Garbatella.

Il quadro in vendita

L’artista curda ha donato un suo quadro a Casetta Rossa. Lo ha realizzato la scorsa estate, in occasione di una sua visita allo spazio sociale di via Giovanni Battista Magnaghi. Ed è stato messo in vendita perché, col suo ricavato, si possa continuare a lavorare per garantire i diritti. In questo caso delle persone che stanno pagando un caro prezzo al nuovo Coronavirus.

Il ricavato

Casetta Rossa ha infatti deciso di vendere l’opera di Zehra. Chi fosse interessato ad acquistarlo può mandare un’email a info@casettarossa.org. Il prezzo di partenza è stato fissato in diecimila euro. “E’ un quadro per i diritti di chi sta soffrendo la crisi pandemica – ha spiegato lo spazio sociale di Garbatella. Ed i fondi saranno pertanto impegnati per sostenere “le svariate attività di solidarietà quotidiana della Casetta Rossa”. Ed anche  per l'avvio del progetto partecipato del Parco Inclusivo.

Chi è Zehra  Do?an

Zehra  Do?an è una giornalista ed una delle più apprezzate artiste del panorama contemporaneo. Nel 2010 ha cofondato  l’agenzia di stampa JINHA che ha diretto fino alla sua incercerazione, avvenuta a  Nusaybin. Imprigionata per una vignetta pubblicata su Twitter, è stata condannata a 2 anni e 9 mesi di reclusione.

In carcere ha fondato una redazione giornalistica interna al carcere ed a realizzare delle opere con il materiale a sua disposizione. “Spesso nei suoi lavori – si legge in una nota di Casetta Rossa - troviamo curcuma, caffè, cenere di sigaretta, sangue mestruale e altri residui organici”. A Do?an, giudicata da ArtReview una dei 100 artisti contemporanei più influenti, lo Street artist Banksy ha dedicato un enorme murale a New York. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    "Fa er provola", perché si dice così?

  • De Magna e beve

    12 "vizi" artigianali: nuovo regno del tiramisù apre a Roma

  • De Magna e beve

    Dove mangiare i 5 supplì più buoni di Roma, rigorosamente "al telefono"

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento