rotate-mobile
Giovedì, 13 Giugno 2024
Garbatella Garbatella / Via Caffaro

Casetta Rossa parte per l'Ucraina: "Porteremo in Italia chi scappa dalla guerra"

La delegazione si muoverà con tre van per portare aiuti concreti e offrire ai profughi in fuga un canale sicuro di ingresso in Italia

Partiranno diretti al confine dell'Ucraina con tre camion pieni di beni di prima necessità da portare sul posto, e torneranno con gli stessi mezzi carichi di profughi in fuga. Questa mattina da Casetta Rossa, spazio sociale autogestito nel cuore della Garbatella, è partita la delegazione romana della missione umanitaria "Safe Passage in Ukraina", organizzata da Mediterranea Saving Human, che arriverà al confine polacco-ucraino con pullman e furgoni attrezzati, medici e mediatori culturali per consegnare aiuti concreti e per portare in Italia chi sta scappando dalla guerra.

LA STORIA - I romani che accolgono i profughi

La brigata è formata dal gruppo romano di Mediterranea Saving Human e da militanti di Casetta Rossa ed è composta da Sara Alawia, Andrea Soprani, Luciano Ummarino, Gianluca Peciola, Stefania Menchinelli, Delphine Jacqueline Yvonne Ortega, Elisa Di Maula.

La delegazione si muoverà con tre van per portare un aiuto concreto fatto di medicinali, lettini, beni di prima necessità. "L'obiettivo - spiegano i militanti - è quello di poter offrire un canale sicuro di ingresso nel territorio dell'Unione Europea a chi sta subendo i bombardamenti russi e a chi sta pagando con tanta sofferenza gli effetti della guerra, senza distinzione di nazionalità o di passaporto".

Siglato accordo per la raccolta di farmaci
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casetta Rossa parte per l'Ucraina: "Porteremo in Italia chi scappa dalla guerra"

RomaToday è in caricamento