Garbatella Garbatella / Via Giovanni Battista Magnaghi

Aiutiamoli a... Casetta Rossa: alla Garbatella si preparano le borse di studio per l'inclusione

Attivata una raccolta fondi per sostenere gli studenti del corso d'italiano per stranieri

Una raccolta fondi per sostenere il percorso d’inclusione degli stranieri che frequentano il corso d’italiano. Le chiamano “borse di accoglienza” e sono finalizzate ad aiutare i corsisti in quella che giocando con le parole è “casetta loro”. Anzi, è Casetta Rossa.

Le borse d'inclusione

“Ci siamo accorti che le persone che frequentano il nostro corso d’italiano hanno dei problemi di inserimento nel mondo lavorativo, che è legato ad un deficit di opportunità. Alcuni sono laureati ma non hanno i soldi per far tradurre il certificato di laurea, altri vorrebbero frequentare dei corsi professionalizzanti ma non hanno le risorse per farlo - ha spiegato Maya, una volontaria di Casetta Rossa - per venire incontro a queste esigenze abbiamo deciso di predisporre delle borse d’inclusione”.

La raccolta fondi

Lo spazio sociale della Garbatella, oltre ad erogare i corsi d’italiano per stranieri, sta quindi lavorando anche sul fronte della loro inclusione. “Abbiamo attivato una raccolta fondi ed una collaborazione con Banca Etica che è disposta a sostenere questo progetto. Però dobbiamo riuscire ad ottenere il 90% dei finanziamenti, perchè solo in quel caso potremo ricevere dalla banca i restanti fondi” ha chiarito l’attivista di Casetta Rossa. 

Mille euro per ogni studente

Per sostenere il progetto, bisogna andare sulla piattaforma “produzioni dal basso” e scrivere “aiutiamoli a Casetta nostra”. C’è tempo fino al termine di giugno, per poterlo farlo. L’obiettivo è di destinare 1000 euro per dieci “borsisti”. “E per raggiungere i diecimila euro, puntiamo ad utilizzare anche un finanziamento europeo che abbiamo già ottenuto” fanno sapere dallo spazio sociale di via Magnaghi. 

Il tempo che resta a disposizione

Non tutti gli stranieri, che dal Bangladesh al Gambia, dall’Afganistan alla Tunisia, frequentano i corsi d’italiano di Casetta Rossa. “Stiamo facendo i colloqui per individuare le dieci persone che hanno necessità di ricevere questo finanziamento. E vorremo successivamente organizzare un momento d’incontro tra i beneficiari e quanti hanno sostenuto la raccolta fondi”. Prima però bisogna finire di raccogliere i finanziamenti e restano ancora tre settimane per farlo.

Aiutiamoli a Casetta Rossa-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aiutiamoli a... Casetta Rossa: alla Garbatella si preparano le borse di studio per l'inclusione

RomaToday è in caricamento