GarbatellaToday

Brigata Garbatella, addio amaro alla storica sede: "Il Comune ha fatto un bando irregolare"

L'associazione di volontariato critica le scelte dell'amministrazione

Brigata Garbatella lascia via Benedetto Croce. La sede affidata dalla Giunta Catarci al polo di protezione civile, perde la storica associazione di volontariato. Non senza un filo di polemica.

Le regole da rispettare

"Non possiamo fare il facchinaggio, non rientra tra i nostri compiti" ricorda Cristiano Bartolomei, presidente della Brigata Garbatella. "Purtruppo non sono serviti a nulla gli incontri con la Sindaca ed il suo staff. Il bando è rimasto lo stesso che avevamo già contestato a novembre. E quindi noi, che siamo per il rispetto delle regole, non vi partecipiamo".  La questione era stata sollevata in autunno quando i volontari  appresero dal sito del Comune che la sede municipale sarebbe finita a gara.

Il precedente di Paolo Pace

L'azione dell'amministrazione Raggi, ancora una volta, s'iscrive nel solco scavato da Paolo Pace.  L'ex presidente del Municipio VIII, ora passato a Fratelli d'Italia, aveva infatti provato a mettere a bando l'area che ospita la protezione civile. Alle associazioni di volontariato venne prima chiesto di lasciare i locali, la cui concessione risultò scaduta. Poi il Minisindaco grillino, nelle more dell'espletamento di un bando di gara, lasciò loro la guardiania dello spazio. Ora però il fatidico bando è arrivato.

I compiti della protezione civile

"Non è cambiato nulla e restano tutte le criticità. Vengono attribuiti punteggi  se si dà la disponibilità a fare traslochi, a chiudere ed aprire i parchi pubblici, a controllare l'uscita dalle scuole.  Ma come più volte spiegato allo staff della sindaca, si tratta di attività che per regolarmento la protezione civile non può eseguire In questo senso è un bando irregolare e quindi vigiliremo affinchè le associazioni di protezione civile che vogliono parteciparvi, non si adattino a svolgere questi compiti. Se lo faranno – promette Bartolomei – chiederermo la loro esclusione dall'albo territoriale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il legame con il territorio

Brigata Garbatella rinuncia quindi alla storica sede. Si trattadi una stanza all'interno dell'ex casa del custode di via Benedetto Croce. "Lasciamo il locale e le pertinenze che a noi erano utili per parcheggiare i nostri mezzi. Ma non lasceremo il territorio. Restiamo sempre a disposizione, nei limiti dei compiti che come protezione civile possiamo svolgere". Dalla formazione alla prevenzione antincendio, passando per le tantissime attività per le quali, in questi ultimi cinque anni, Brigata Garbatella si è sempre distinta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • A Roma la stretta anti Covid, Raggi chiede più controlli: nel week end task in campo tra movida e periferie

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Coronavirus, a Roma 494 casi. Nel Lazio 994 nuovi contagi

  • Ater, in vendita oltre 7mila case popolari dal Laurentino a San Basilio: ecco il piano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento