rotate-mobile
Mercoledì, 28 Settembre 2022
Garbatella San Paolo / Via Giovannipoli

Assicurazioni per sfalciare i prati, la protesta parte da Garbatella: "Pensano che ci fanno un favore?"

Le realtà cittadine abituate a prendersi volontariamente cura del verde, protestano contro l'iniziativa del Comune. Annullati i primi appuntamenti di pulizia "non possiamo pagare assicurazioni e comprare i dispositivi di protezione individuale"

Hanno deciso di incontrarsi a metà settembre alla Garbatella, nel Parco delle Catacombe di Commodilla. Da lì, sabato 16 settembre, partirà la protesta delle tante realtà e dei cittadini che si prendono cura del verde. E che, a chiare lettere, rivendicano la propria determinazione a “non lasciarsi schiacciare dalla burocrazia”.

Dispositivi di protezione individuale

Alle autorizzazioni ed alle polizze assicurative, i cittadini che sono abituati a rimboccarsi le maniche per sistemare il verde pubblico, risponderanno con un’assemblea. Forse è il preludio ad una mobilitazione civica. “Sembra che ci stiano facendo un favore senza comprendere che, se molti parchi e giardini sono puliti e fruibili, è solo merito nostro” ripetono alcuni volontari impegnati alla Garbatella “siamo noi che chiudiamo i cancelli e sempre noi che sfalciamo e raccogliamo cartacce”. Ora dovranno farlo con i dovuti accorgimenti: dispositivi di protezione individuale e assicurazione.

La prova dei fatti

“Noi la polizza già ce l’abbiamo – spiega Maurizio Romano, presidente dell’Associazione i Casali della Memoria – però è chiaro che ha un costo che una piccola realtà fatica a sostenere. Invece i dispositivi di protezione individuale è difficile averne per tutti. Quante scarpe da lavoro bisognerebbe acquistare? Noi comunque abbiamo appena mandato via PEC una richiesta di pulizia dell'area recintata che circonda il casale Pontecorvo – zona Fonte Laurentina – quell’area è abbandonata da anni. Così facendo avremo subito modo di verificare quant’ è fluida questa metodologia”.

Le lacune della pratica burocratica

Le critiche, al Dipartimento ambiente che ha firmato la determinazione dirigenziale  (624 del 3 agosto 2017) ed alla Giunta che ha elaborato le linee guida del verde, non sono mancate. “Non troviamo nel modulo, o nella pagina cui è allegato, alcun riferimento ai tempi di risposta Un minimo di rispetto esigerebbe che il Comune indicasse quanto meno un responsabile che prenda in carico la domanda e dei tempi di risposta (positivi o negativi) certi” fa notare il Comitato Parco Giovannipoli.

Le iniziative annullate ed i controllori

Sulle polizze, Retake ha già chiesto al Comune di fare un passo indietro, magari acquistandole a proprie spese per chiuque voglia fare interventi anche minimi, come svuotare i cestini dai rifiuti”.  Intanto c’è chi, a fronte di questa policy che l’atto amministrativo impone, sta annullando le iniziative programmate. Dopo Vitinia è la volta di Fonte Laurentina, il cui Comitato di Quartiere fa sapere che “non possiamo in questo momento fare le nostre giornate ecologiche con l'aiuto dell'Ama , sia per l'assicurazione sia per la difficoltà a reperire fondi per i DPI e eventuale cartellonistica. Quindi quella che volevamo organizzare per i settembre salta”. Se l’obiettivo era incoraggiare la partecipazione, la determina del Dipartimento ambiente non ci sta riuscendo. E c’è chi , come il Comitato Giovannipoli, legge nelle complicazioni presenti nel modulo, il tentativo  del Comune di farsi “controllore di chi vuole fare, scaricandosi al tempo stesso ogni responsabilità”. 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assicurazioni per sfalciare i prati, la protesta parte da Garbatella: "Pensano che ci fanno un favore?"

RomaToday è in caricamento