Garbatella Garbatella / Piazza Eugenio Biffi

Garbatella, allagata piazza Biffi: “Ma sti nasoni come li mettono?”

Inondata piazza Biffi dopo l'apertura del nasone, a secco da mesi. Ed intanto sale la polemica sulle fontanelle che restano all'asciutto e su quelle che invece vengono messe in funzione

L’attesa dei residenti è stata premiata. E siccome si é trattato di una lunga attesa, la quantità d’acqua che la fontanella di piazza Biffi ha prodotto, è stata conseguente. Con un risultato immediato: l’allagamento della zona. Strano epilogo per uno  dei nasoni più gettonati della Garbatella.

UN'ATTESA FRUSTRATA - L’allagamento di piazza Biffi, avvenuto nella mattinata di giovedì 17, non poteva passare inosservato. “Da quando quella fontanella è stata spostata lì, ha cominciato ad alimentare le aspettative dei residenti. Tanti attendevano che aprisse. Certo, non in quella maniera” ironizza Paolo Moccia, garbatellano doc. “Io però vorrei sollevare anche altre questioni, visto che parliamo di fontanelle. Ma sti nasoni – incalza il residente – si puà sapere come li mettono? Certe volte sembrano rispondere a logiche oscure”.

LOGICHE OSCURE - La contestazione, è suffragata da una serie di esempi. “In via Macinghi Strozzi ad esempio, a me è sembrato allucinante che la fontanella venisse messa vicino all’edicola. Ma come, sull’altro lato della strada c’è una scuola…ma scusa, non era meglio lì? Tra l’altro, dove l’hanno sistemata, ovvero dove l’ex Consigliere Ciappetta voleva realizzare la piazza della partecipazione, ha creato anche problemi di infiltrazione - fa notare Moccia, che aggiunge- tra l'altro, a meno di 80 metri di distanza, c’è un altro nasone. Quello che si trova all’inizio di via Cravero. Quindi mi chiedo: serviva proprio in via Macinghi Strozzi?”.

UNA LUNGHISSIMA ATTESA - C’è infine un’altra segnalazione che Paolo Moccia, ex Consigliere dei Verdi, ha voluto fare. “Sin da quando ero ragazzino, in piazza Caterina Sforza c’era una fontanella. L’area si era poi degradata, tant’è che nella piazzetta ci andavano a parcheggiare le macchine. Dopo molte battaglie è stata risistemata ed ora, se ci vai, trovi fioriere e panchine. Ma non la fontanella – puntualizza il residente – eppure che lì dovesse tornarvi il nasone, era anche stato deliberato. Ed il pozzetto, dal 1996, è rimasto lì. In attesa della fontanella. Allora io dico, invece  di installare nasoni secondo logiche oscure, che talvolta sembrano avere poco o niente a che fare con il bene comune, vogliamo tornare a pensare a quella di piazza Caterina Sforza?”. Magari però, questa volta, conviene non puntarci troppo. Perchè se il getto d'acqua sarà proporzionale all'attesa, che dura dal 1996, l'allagamento è garantito.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Garbatella, allagata piazza Biffi: “Ma sti nasoni come li mettono?”

RomaToday è in caricamento