rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Garbatella Garbatella / Via della Garbatella

Parco Garbatella, Legambiente denuncia: "Mozzati 60 alberi, uno scempio"

I membri dell'associazione hanno sporto denuncia ai Carabinieri in seguito al ritrovamento all'ingresso dell'area di decine e decine di alberi distrutti

"L'immagine all'ingresso del parco è agghiacciante: tronchi mozzati, chiome di alberi a terra. I primi tre ciliegi da fiore all'ingresso, meli, cachi, peri e ulivo nel frutteto: alla fine la conta sarà di 60 alberi uccisi in tutto il Parco Garbatella, davanti alla Regione Lazio, dai lecci ai sugheri, dagli olmi alle querce". Dello scempio denuncia in nota Legambiente Garbatella. 

"Sono gli stessi alberi che il Circolo Legambiente Garbatella, insieme alle altre associazioni del territorio e a tanti cittadini, aveva messo a dimora negli ultimi 5 anni, continuando la cura e l'impegno ventennale per la nascita e salvaguardia del Parco - si legge nel comunicato - Sabato, approfittando del quartiere deserto in pieno agosto, qualcuno ha scientificamente mozzato a un metro di altezza 60 alberi e ha distrutto due panchine". 

"Chiunque sia l'artefice di questo scempio, per follia personale o per interesse politico o economico, colpendo i giovani alberi, il lavoro costante di volontari e cittadini del quartiere - dichiara Anna Maria Baiocco, vicepresidente del Circolo Garbatella di Legambiente - non ci impedirà, anzi, rafforzerà l'impegno a rinnovare ricostruire e migliorare il parco: uccidere gli alberi significa uccidere la vita, l'aria fresca e pulita, la bellezza, la socialità, l'allegria, il futuro dei nostri figli". 

Alberi distrutti al Parco Garbatella | Foto di Legambiente

Non ci sono foto disponibili.

"All'inizio dell'estate - continua la nota - c'erano stati alcuni episodi di vandalismo negli Orti Urbani Garbatella e nel frutteto (distrutte le piante degli orti più rigogliosi: pomodori, melanzane, spezzati i rami del frutteto), ma non si era voluto dare peso a quelle che sembravano bravate cattive ma estemporanee". 

"Abbiamo fatto la denuncia ai Carabinieri - continua Baiocco - chiediamo ai cittadini di riferire alle Autorità competenti ogni piccolo elemento che possa essere utile alle indagini e di vigilare sui beni comuni. Con il sostegno di tutti faremo tornare il Parco sempre più bello e dimostreremo chiaramente all'autore di questo gesto ignobile che non l'ha avuta vinta. Siamo certi che, con la grande sensibilità ambientale manifestata, la nuova Amministrazione sarà al nostro fianco nella rinascita del Parco accelerando l'iter dei lavori già appaltati e sciogliendo tutti i nodi ancora irrisolti, compresa la sicurezza".

Alberi segati al Parco Garbatella | Foto di A.Ronchini per Romatoday

L'ASSESSORE MARINO - Commenta l'accaduto anche l'assessore all'ambiente, Estella Marino. "Quanto successo all’interno del Parco della Garbatella è un vero e proprio scempio, un atto vandalico che condanniamo fermamente. L’amministrazione capitolina è vicina ai cittadini e ai volontari e assicura il massimo impegno per ripristinare al più presto il patrimonio verde andato distrutto. In quel parco partiranno a breve dei  lavori di riqualificazione dell’intera area che riguarderanno il ripristino dei percorsi pedonali interni, la messa a dimora di diversi alberi, la cura del verde e l’impiantistica di illuminazione e irrigazione. 

Proprio nell’ambito di questa prima parte di progetto lavoreremo insieme alle associazioni e ai comitati territoriali per cercare di ripristinare l’area e le piante oggetto degli atti di vandalismi di sabato notte. In un momento di ristrettezze economiche per le casse comunali, esempi di collaborazione attiva e volontaria dei cittadini a tutela del bene comune come la cura di questi anni degli orti urbani di Garbatella vanno tutelati e valorizzati. Inoltre, l’abbattimento di alberi sottolinea un disprezzo per la natura che non può essere tollerato in alcun modo". 

"Tutelare un parco urbano è una vera e propria forma di educazione ambientale – prosegue  – per questo saremo fermi nel condannare atti come quello del Parco Garbatella. Vogliamo estendere ad altre aree verdi della città – conclude - un modello di ‘adozione del verde’  basato sulla collaborazione tra istituzioni, associazioni e singoli cittadini per la difesa del proprio territorio e la diffusione di una consapevolezza sui temi dell’ambiente e della biodiversità".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parco Garbatella, Legambiente denuncia: "Mozzati 60 alberi, uno scempio"

RomaToday è in caricamento