GarbatellaToday

Garbatella: casa e reddito, i movimenti bussano alla Regione Lazio

E’ prevista per venerdì 29 una manifestazione che si concluderà sotto la Regione Lazio. Movimenti per l’abitare: “Le tante promesse del sindaco Marino sembrano già svanite nel nulla”

Non ci stanno i tanti cittadini che si riconoscono nei movimenti per l’abitare, all’immobilismo delle istituzioni locali. Mentre il fuoco incrociato dell’opposizione, mette a repentaglio la tenuta di Roma Capitale, la Regione sembra non fornire le necessarie risposte a quanti vivono il problema della casa sulla propria pelle. E questa assenza d'interlocuzione, sembra alimentare l'ascesa di alcuni movimenti collettivi.

IL BILANCIO CAPITOLINO - “Entro il 30 novembre il comune di Roma deve approvare il bilancio e il dibattito in aula non è tra i più tranquilli, quindi anche i provvedimenti riguardanti l'emergenza sfratti e più in generale la questione casa sono tutt'altro che in arrivo – leggiamo in un comunicato diffuso dai Movimenti per l’abitare -  Anche la delibera sulla dismissione del patrimonio di Roma Capitale non lascia grandi speranze, anzi apre un capitolo che mette a rischio patrimonio pubblico in cambio di niente, aprendo di fatto la strada a nuove possibili speculazioni. Le tante promesse elettorali del Sindaco Marino sembrano già svanite in una bolla di sapone. A Roma o si governa in nome dei poteri forti, oppure non si governa e non si danno risposte”.

LE PRIORITA' DELLA REGIONE - La manifestazione, che partiraà venerdì 29 novembre alle ore 14, terminerà davanti al palazzo da cui, tante risposte, non sembrano arrivare: la Regione Lazio.  “Zingaretti decide di vendere e lo fa approntando un provvedimento che non ha visto la benché minima consultazione pubblica e soprattutto definisce un orizzonte anche peggiore di quello proposto dalle decisioni di Nieri e compagni – leggiamo nel comunicato – Questo mentre si finanziano grandi opere inutili come la Roma – Latina. Inoltre la delibera che definiva il piano regionale sull'emergenza abitativa, strappata dalle mobilitazioni dei movimenti, continua a restare impantanata dentro meccanismi opachi che ne rallentano l'urgente approvazione. Nel frattempo, nell’incuranza delle istituzioni che chiacchierano e non vanno oltre l’approvazione di inutili ordini del giorno, gli sfratti vengono eseguiti con la forza pubblica, la precarietà alloggiativa si allarga a dismisura, come le occupazioni per necessità.

IL LIVELLO NAZIONALE - Ma la critica dei tanti cittadini che a vario titolo soffrono un disagio abitativo, tocca tutti i livelli istituzionali. “Le risposte sono deboli ed evanescenti a livello locale, mentre a livello nazionale all’assenza di una politica per la casa subentra direttamente il finanziamento alle banche ed il sostegno al mercato ed alla proprietà. Quindi si creano nuovi debitori e nuove emergenze e si cancella l'edilizia residenziale pubblica, con milioni di persone tagliate fuori dal mercato e condannate a trovare soluzioni di fortuna o a vivere in sovraffollamento.

L'ITER DELLA MANIFESTAZIONE - “Però sono migliaia le persone che si stanno organizzando e hanno deciso di lottare con i movimenti per il diritto all'abitare. Con questa forza abbiamo deciso di tornare in piazza con un corteo che intende segnalare e assediare sedi decisionali sia del Comune che della Regione. Partiremo dalla fermata della metro B Garbatella in via Pullino e come primo punto di contatto con l'amministrazione comunale troveremo l'assessorato al patrimonio di via della Moletta, poi su via di Capitan Bavastro l'ingaggio con l'assessorato regionale alla casa e infine dopo aver attraversato il quartiere popolare della Garbatella arriveremo alla sede della giunta regionale in via Cristoforo Colombo. Riteniamo fondamentale che Regione e Comune si muovano in sinergia”.

LE RICHIESTE - Sul piano delle richieste, i movimenti per l’abitare mostrano d’avere le idee chiare. “I provvedimenti urgenti che chiediamo sono: blocco generalizzato degli sfratti; stop alla vendita del patrimonio pubblico e riuso dello stesso, compreso quello demaniale e delle forze armate; difesa dell'inquilinato della regione, degli enti previdenziali privatizzati, delle casse, delle fondazioni e dei fondi; approvazione immediata della delibera regionale sull'emergenza abitativa.  Non c’è tempo per aspettare – conclude il comunicato – una sola grande opera: casa e reddito per tutti”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coronavirus, Lazio verso il coprifuoco e didattica a distanza parziale per le superiori. In arrivo un'ordinanza con i provvedimenti

  • Sciopero generale il 23 ottobre: a Roma metro e bus a rischio. Orari e fasce di garanzia

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento