rotate-mobile
Giovedì, 29 Febbraio 2024
Garbatella Montagnola / Via Benedetto Croce, 50

Il Municipio VIII resta commissariato: non si vota il 4 marzo, niente accorpamento con le regionali

Rimane la gestione commissariale della Sindaca Raggi

La Sindaca Raggi resta al governo del Municipio VIII. Fino a data da destinarsi. Nel territorio che fino ad aprile 2017 era stato governato dal presidente Paolo Pace, non si andrà alle elezioni sfruttando la finestra del 4 marzo.

In ritardo sui tempi

Il Prefetto di Roma, con due distinte circolari, ha già provveduto a ratificare la data per le prossime elezioni nazionali e regionali. L'iter infatti, in entrambe i casi, è stato avviato correttamente. Il presidente Mattarella lo scorso 28 dicembre, ha provveduto a sciogliere le Camere. E per quanto riguarda la Regione Lazio, le  prossime elezioni sono state indette con apposito decreto il 5 gennaio 2018. Non risulta invece che dal Campidoglio siano stati presi analoghi provvedimenti.

Niente risparmio

Difficile immaginare quando il M5s deciderà di lasciare la gestione commissariale del Municipio VIII. Lo scorso aprile, il capogruppo capitolino del M5s aveva promesso che si sarebbe andati al voto "alla prima finestra utile". Ferrara aveva poi aggiunto che "il M5s non ha timori, anzi: andrà sicuramente bene". Il primo treno è però passato. E quindi, a questo punto,  i seggi dovranno aprirsi due volte. Per le elezioni regionali e nazionali del 4 marzo. E per una data successiva. Una scelta dispendiosa in termini economici. 

Le prossime elezioni

Il futuro del Movimento 5 stelle nel territorio che è storicamente considerato una "roccaforte della sinistra", non è chiaro. Il governo di Paolo Pace, passato con una parte dei pentastellati a Fratelli d'Italia, è durato solo 9 mesi. Un epilogo arrivato al termine d'una stagione di veleni che ha fatto registrare una profonda frattura tra i grillini. Per l'ex minisindaco Catarci  quella consiliatura terminò perchè "i cinque stelle erano stati divorati dai loro stessi rancori". Oggi è probabile che, dopo la fuorisciuta di alcuni elementi, la squadra pentastellata da presentare alle urne non sia ancora pronta. Fremono invece gli altri schieramenti i cui candidati alla presidenza a questo punto, saranno decisi anche in base ai rapporti di forza che le elezioni del 4 marzo andranno a determinare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Municipio VIII resta commissariato: non si vota il 4 marzo, niente accorpamento con le regionali

RomaToday è in caricamento