Mercoledì, 22 Settembre 2021
Garbatella Montagnola / Via Benedetto Croce

Bilancio: il Municipio XI chiede al Sindaco di assumersi le proprie responsabilità

Polemiche sulla possibile approvazione, sul filo di lana, di un bilancio comunale che, per Catarci “recita il de profundis per servizi sociali, cultura, sport e per i municipi”

Chi immaginava che l’approvazione del bilancio capitolino  entro la fine del mese, avrebbe placato gli animi, si era illuso.

TAGLI AI SERVIZI SOCIALI. La possibilità, trapelata in queste ore, di una votazione in extremis, in Aula Giulio Cesare, anziché porre fine ad una polemica che dura da alcuni mesi, rischia di alimentarla ulteriormente. “Il bilancio che la Giunta Alemanno vuole far approvare in queste ore – ha fatto notare il Presidente del Municipio XI -prevede una consistente riduzione dei già scarsi fondi per i servizi sociali ed alla persona e per la scuola, mentre conferma il de profundis per la cultura e lo sport nonché per il ruolo dei Municipi, anch'essi ulteriormente penalizzati”.

LE SPESE DI ROMA CAPITALE. Sul ruolo e sul possibile taglio di alcuni enti di prossimità, abbiamo scritto in tante occasioni, riportando le considerazioni sia del minisindaco che della sua giunta municipale. Quello che evidentemente non piace, al Presidente Catarci, oltre alle riduzioni citate nei vari capitoli di spesa,  è l’utilizzo delle scarse risorse capitoline. “Malgrado i tagli – ha infatti sottolineato Catarci - il Sindaco non rinuncia a stanziare decine di milioni di euro per il suo Gabinetto e il suo Ufficio Stampa, a mantenere una decina di milioni per le consulenze esterne, a finanziare le organizzazioni di estrema destra, in particolare con l'acquisto della sede di Via Napoleone III per 11,8 milioni di euro a vantaggio dei 'fascisti del terzo millennio'. Trasformato colpevolmente da documento preventivo e programmatorio in consultivo di fatto, contiene le spese già impegnate in emergenza per undici dei dodici mesi dell'anno e serve più o meno a nulla.”

L'APPELLO ALL'OPPOSIZIONE CAPITOLINA. I tagli alla cultura, allo sport, ma anche l’ulteriore ridimensionamento del ruolo e del numero dei municipi e la gestione delle risorse disponibili, sono elementi di merito che, il Presidente del Municipio XI, evidenzia nella sua disamina. Tuttavia ci sono anche aspetti formali, che rientrano nella critica avanzata da via Benedetto Croce. “Alemanno e il suo silente Assessore Lamanda sono chiamati ad assumersi tutte le responsabilità, dal ritardo temporale – ricorda Catarci, evidenziando un aspetto, appunto formale - alla pessima qualità del documento proposto, dai colpi durissimi inferti alla collettività alle irritanti operazioni propagandistiche e preelettorali in esso contenute. Se è capace si tiri dietro la sua maggioranza, ma nessuno dall'opposizione faccia scherzi e si lasci tentare da ipotetici, improbabili e incomprensibili accordi in extremis.” – conclude Catarci, richiamando al senso di responsabilità istituzionale un’opposizione di cui, evidentemente, teme una possibile deriva filo governativa.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bilancio: il Municipio XI chiede al Sindaco di assumersi le proprie responsabilità

RomaToday è in caricamento